Cronaca Solidarietà Tv/Radio Merine 

Profughi ucraini, l'esperienza di Merine in diretta tv

Oggi pomeriggio collegamento in diretta su Tv2000 con la trasmissione Siamo Noi che ha raccontato le storie degli ospiti del Centro Cuore Immacolato di Maria.

A Merine, frazione di Lizzanello, il centro pastorale Cuore Immacolato di Maria si è fatto casa,  sin dai primi giorni di guerra  ha aperto le sue porte per ospitare 23 persone arrivate dall’Ucraina: bambini, mamme e anche alcune anziani costretti ad abbandonare la propria terra.

L’accoglienza dei profughi si è resa possibile grazie al progetto della Caritas diocesana e della Caritas e grazie all’ impegno dell’associazione For Life che ha attivato presso l’oratorio parrocchiale di Merine un corso di italiano.

Questo pomeriggio, in diretta tv, con grande partecipazione, gratitudine e commozione, i profughi ucraini accolti a Merine hanno raccontato la loro storia, la loro esperienza  attuale ai microfoni del programma Siamo Noi, appuntamento pomeridiano di attualità in onda su Tv2000.

Intervistati da Antonella Ferrara, hanno ricordato la loro terra, le difficoltà con la lingua italiana, ma anche i frutti del doposcuola che da due mesi a questa parte è stato messo su grazie alla Caritas e ai volontari di Forlife.

E poi, quella normalità del Salento terra d’accoglienza e crocevia di popoli dove l’incontro passa dalla condivisione di tradizioni, bellezza e passioni. Alla diretta oltre ai rifugiati ucraini hanno preso parte il direttore della Caritas di Lecce, don Nicola Macculi e il parroco di Merine don Luca Nestola, insieme a una rappresentanza dei volontari che quotidianamente supportano l'accoglienza.



Potrebbeinteressarti


A Otranto ''Mediating Italy in global culture''

Da domenica 9 giugno a mercoledì 12 giugno un’esperienza di apprendimento immersiva sulle forme e sui percorsi che la cultura, l’arte, il cinema e i media italiani affrontano per circolare nel mondo.