Cresce ancora il prezzo dell'acqua in Puglia, a Lecce e Bari la metà va dispersa

mercoledì 30 marzo 2016
I dati dell' Oservatorio di Cittadinanzattiva registrano un incremento del 5,6% nell'ultimo anno e quasi un raddoppio rispetto al 2007 (45,5%). 

Cresce ancora il prezzo dell'acqua in Puglia: la tariffa media è di 435 euro contro i 376 di quella nazionale.
L' incremento fra 2014 e 2015 è stato del 5,6%. Il dato sulla dispersione idrica in regione risulta in media con il resto del Paese, ma con le punte critiche di Bari (dove va disperso il 51% dell’acqua immessa nelle tubature) e di Lecce (46%).
Questi i dati dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva che per l’undicesimo anno consecutivo ha analizzato i costi sostenuti dai cittadini per il servizio idrico integrato nel corso del 2015. A livello regionale, le tariffe più elevate si riscontrano nell’ordine a Toscana, Marche, Umbria, Emilia Romagna e Puglia.
Fra i capoluoghi di provincia, le città più care si confermano essere le toscane (Grosseto e Siena con 663 euro seguite da Livorno con 628 euro). I capoluoghi si piazzano a metà classifica mentre le città con il prezzo più basso si confermano Isernia (117 euro, erano 120 nell’anno precedente) e Milano con i suoi 140 euro (ed un aumento del 3%).
Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
26/05/2016
È partito il progetto del Movimento lavoratori ...
Economia e lavoro
26/05/2016
Il segretario provinciale Salvatore Castrignanò ...
Economia e lavoro
25/05/2016
All’assemblea generale a Bari ha preso parte anche il segretario generale del ...
Economia e lavoro
24/05/2016
Sul posto sono arrivati gli uomini della sezione di polizia giudiziaria della guardia ...
Dopo la finale di Amici, la cantante porta in tour per l'Italia l'album d'esordio.  Elodie Di Patrizi torna nel ...