Cresce ancora il prezzo dell'acqua in Puglia, a Lecce e Bari la metà va dispersa

mercoledì 30 marzo 2016
I dati dell' Oservatorio di Cittadinanzattiva registrano un incremento del 5,6% nell'ultimo anno e quasi un raddoppio rispetto al 2007 (45,5%). 

Cresce ancora il prezzo dell'acqua in Puglia: la tariffa media è di 435 euro contro i 376 di quella nazionale.
L' incremento fra 2014 e 2015 è stato del 5,6%. Il dato sulla dispersione idrica in regione risulta in media con il resto del Paese, ma con le punte critiche di Bari (dove va disperso il 51% dell’acqua immessa nelle tubature) e di Lecce (46%).
Questi i dati dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva che per l’undicesimo anno consecutivo ha analizzato i costi sostenuti dai cittadini per il servizio idrico integrato nel corso del 2015. A livello regionale, le tariffe più elevate si riscontrano nell’ordine a Toscana, Marche, Umbria, Emilia Romagna e Puglia.
Fra i capoluoghi di provincia, le città più care si confermano essere le toscane (Grosseto e Siena con 663 euro seguite da Livorno con 628 euro). I capoluoghi si piazzano a metà classifica mentre le città con il prezzo più basso si confermano Isernia (117 euro, erano 120 nell’anno precedente) e Milano con i suoi 140 euro (ed un aumento del 3%).
Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
23/05/2017
A presentarla la parlamentare della circoscrizione Puglia, Donatella Duranti: ...
Economia e lavoro
23/05/2017
Palazzo: “I lavoratori sono preoccupati dalle ultime notizie. Chiediamo un incontro ...
Economia e lavoro
21/05/2017
Il sindacato autonomo dei vigili del fuoco chiede un ...
Economia e lavoro
18/05/2017
I consiglieri regionali del M5s chiedono chiarimenti ...
La Banca Popolare Pugliese diventa fattore di innovazione unendo le sue capacità e la sua struttura al FEI, ...