Scuola Carmiano 

Carmiano ricorda le vittime della strage di Capaci con la marcia per la legalità

La manifestazione di lunedì 23 maggio è organizzata dall’Istituto Comprensivo “G. Zimbalo”, guidato dalla dirigente scolastica Maria Grazia Rongo.

Nel giorno simbolo della lotta contro tutte le mafie, in cui si ricorda la strage di Capaci e il sacrificio del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli uomini della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, la comunità scolastica di Carmiano scende in piazza per la legalità. La manifestazione che coinvolge gli alunni delle classi di ogni ordine e grado, è organizzata dall’Istituto Comprensivo “G. Zimbalo” di Carmiano e Magliano, guidato dalla dirigente scolastica Maria Grazia Rongo.

“L’istituto ha sempre rivolto particolare attenzione a tutti gli aspetti riguardanti la legalità e il rispetto delle libertà – si legge nella nota della dirigente - promuovendo e partecipando ad incontri, progetti e manifestazioni, ma il 23 maggio di quest’anno assume un significato particolare, perché cade il trentesimo anniversario della strage di Capaci. L’Istituto Comprensivo ha organizzato una marcia della legalità contro tutte le mafie alla quale prenderanno parte le ultime classi della scuola primaria e tutte le classi della scuola secondaria di primo grado. È prevista anche la partecipazione e l’intervento di rappresentanze delle istituzioni regionali e locali, delle forze dell’ordine, di Libera e di altre associazioni che operano sul territorio. Lunedì mattina le strade e le piazze di Carmiano verranno colorate da striscioni realizzati dagli studenti e illuminate dal sorriso dei bambini e dei ragazzi quale monito a non cedere mai all’illegalità”. Alle ore 9 in Piazza del Tempo è previsto un momento di riflessione e alle ore 9.30 il corteo si muoverà per percorrere le principali vie del paese.



Potrebbeinteressarti


Una borsa di studio in memoria dei piloti eroi

Sono trascorsi 28 anni dall’incidente aereo in cui persero la vita il capitano Umberto Oriolo e il sergente Paolo Ceccato: il 61° Stormo di Galatina e il Comune di Melpignano li ricordano con una borsa di studio per giovani studenti salentini.