San Valentino, il post di Antonio: "Anche noi disabili abbiamo diritto all'affettività"

sabato 13 febbraio 2016

Il messaggio di Antonio, un ragazzo disabile di Copertino che rivendica il suo diritto ad avere una vita affettiva e sessuale libera da preconcetti.

"Credo che tutti abbiano il diritto di poter avere la possibilità di esprimere la propria sessualità senza pregiudizi e preconcetti". Questo il messaggio che Antonio, 32 anni, di Copertino, con un'invalidità del 100% a causa di una focomelia agli arti superiori e piedi torti congeniti bilaterali, ha affidato al suo profilo Facebook.

Nel suo post, pubblicato ieri, Antonio ha voluto richiamare l’attenzione su un problema quasi mai affrontato nel nostro Paese: "Tra poche ore - ha scritto Antonio - io e tanti amici portatori di handicap trascorreremo l'ennesimo San Valentino da single. Sono stupito del fatto che in questi giorni c'è un gran parlare di unioni civili e coppie di fatto, ma nessuno ha speso una parola sul diritto all'affettività delle persone con disabilità!” 

Antonio lavora nella direzione amministrativa dell'ospedale di Copertino ed è iscritto al secondo anno della Facoltà di Scienze Politiche. Inoltre, come si può vedere dalle sue foto, ha molti interessi. Allena in una scuola calcio per bambini, va a cavallo e ama il mare.

"Con queste foto - termina il suo post - vorrei dimostrare ai più che, nonostante qualche difficoltà, ragazzi come me riescono a fare anche più cose dei normodotati! Credo che tutti abbiano il diritto di poter avere la possibilità di esprimere la propria sessualità senza pregiudizi e preconcetti! P.s.: Se c'è qualche ragazza interessata a conoscermi può farlo in privato”.

Altri articoli di "Società"
Società
06/12/2016
La decisione da parte dei Comuni che costituiscono l’ARo, cioè ...
Società
05/12/2016
Il consigliere Danilo Scorrano ha chiesto lumi ...
Società
03/12/2016
Già in vigore da oggi le limitazioni sulle strade ...
Società
03/12/2016
La segnalazione è arrivata allo “Sportello ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...