Vincenzo Deluci, trombettista tetraplegico che lotta per rendere la musica "accessibile"

mercoledì 3 febbraio 2016
Una tromba su misura gli consente di suonare e comporre. Con l'associazione AccordiAbili aiuta altri musicisti a non abbandonare il loro sogno. 

Il trombettista Vincenzo Deluci è di Fasano ma il suo destino ha incrociato più volte Lecce, anche nel momento più tragico: l'incidente che nel 2004 lo ha reso tetraplegico.
Da allora, però, contro tutti i pronostici, non ha rinunciato al suo sogno di musicista e si batte per rendere “accessibile” il mondo della musica.
La storia di Vincenzo è raccontata oggi sulle pagine dell'Unità. Dopo il grave incidente del 2004 di ritorno da un concerto a Maglie, è riuscito, con difficoltà ma senza scoraggiarsi, a riprendere in mano la sua “titina”, la tromba che lo ha accompagnato nella carriera al fianco di Vinicio Capossela, Sergio Caputo, Lucio Dalla.
Vincenzo ha ripreso a suonare grazie ad una tromba “speciale” ideata dal suo amico, trombettista Giuliano Di Cesare, con cui quattro anni fa ha dato vita all'associazione “AccordiAbili” e al progetto eMotion.
A breve, in collaborazione con Domos – Domotica Sociale di Conversano, Accordiabili svilupperà un progetto, approvato dalla Regione Puglia, denominato MusicAAL, che consentirà di progettare e costruire altri strumenti musicali su misura per musicisti diversamente abili.
Ma i progetti di Deluci non si fermano qui: compone studia per prendere quest’anno la laurea in Musica elettronica al Conservatorio di Lecce e si prepara per un concerto a Ginevra.
Altri articoli di "Società"
Società
20/01/2017
Sabato 21 gennaio  si terrà  a Galatone la ...
Società
20/01/2017
Domani si terrà a legge la quarta festa provinciale ...
Società
20/01/2017
Il "finto documentario" fa parte della web serie ...
Società
19/01/2017
L’associazione chiede una strategia culturale dopo ...
Dal 21 al 29 gennaio torna a Lecce il festival dell’arte e della letteratura per ragazzi per “scrutare ...