Cronaca Puglia sette 

Detenzione di materiale esplodente e tentato danneggiamento, arrestato un 17enne

A San Pietro Vernotico i carabinieri hanno evitato che portasse a compimento un attentato dinamitardo che avrebbe potuto provocare gravissimi danni.

Nei giorni scorsi, i militari della Stazione Carabinieri di San Pietro Vernotico hanno fermato nottetempo un 17enne del luogo il quale, vestito con una tuta di colore nero e con il volto travisato, si aggirava per le vie della città.

Ad attirare l’attenzione dei militari il fatto che si fosse soffermato per alcuni istanti nei paraggi di una nota attività commerciale, già in passato oggetto di attentati dinamitardi.

Il giovane aveva in mano una busta in cellophane al cui interno, dal successivo controllo eseguito dai militari, è stata accertata la presenza di un ordigno esplosivo di natura artigianale del peso di circa 1 chilogrammo, costituito da un cilindro della lunghezza di circa 40 centimetri, dotato di innesco.

Il successivo intervento eseguito dai Carabinieri dei Nuclei Artificieri Antisabotaggio ha consentito di accertare che si trattasse di un congegno micidiale cha avrebbe potuto causare ingenti danni a cose e persone.

Il giovane è stato arrestato in flagranza di reato per detenzione e porto illegale di materiale esplodente. Il pronto intervento dei Carabinieri ha scongiurato che il 17enne portasse a compimento l’azione criminosa che avrebbe potuto comportare gravissimi danni.

Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale dei Minorenni, nei giorni successivi, ha convalidato l’arresto, disponendo nei confronti del minore la custodia cautelare in carcere presso l’Istituto per i Minorenni di Bari.

L’intervento rientra nelle attività di contrasto poste in essere dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Brindisi, a seguito della recrudescenza di gravi delitti avvenuti a san Pietro Vernotico.


Potrebbeinteressarti

Agricoltori di Puglia in piazza a Bruxelles

Proteste in occasione del Consiglio dei Ministri agricoli sulla proposta di semplificazione della PAC. Sotto accusa anche il sistema di controllo dell'UE con frontiere colabrodo che hanno lasciato passare materiale vegetale infetto.