Società 

Nuovo parroco per l’Immacolata di Maglie: arriva Don Antonio Cagnazzo

La scelta da parte del dall’arcivescovo di Otranto Donato Negro, dopo la notizia della nomina di Don Giuseppe Mengoli quale vescovo di San Severo

Don Antonio Cagnazzo sarà il nuovo parroco della Chiesa dell’Immacolata di Maglie. La nomina è arrivata ieri dall’arcivescovo di Otranto Donato Negro. Il presule lascerà quindi la chiesa di San Michele Arcangelo a Minervino per prendere il posto di Don Giuseppe Mengoli, nominato da papa Francesco, vescovo di San Severo. Il passaggio sarà ufficiale quando l’ex sacerdote magliese sarà ordinato vescovo il 16 maggio prossimo.

Originario di Calimera, don Cagnazzo, 56 anni, è stato ordinato presbitero nel 1992, ricoprendo l’incarico di viceparroco presso la chiesa Immacolata di Otranto, per poi passare a Minervino di Lecce. È direttore dell’ufficio catechistico diocesano e delegato presso l’ufficio per le comunicazioni sociali e stampa.

«Oggi è la solennità dell'Annunciazione. Mi è tornata alla memoria questa immagine della Vergine -ha scritto sul suo profilo il nuovo parroco- che riceve l'annuncio e si abbandona alla volontà di Dio che le cambia la vita. Si trova nella chiesa di Santa Croce a Minervino. Proprio oggi il nostro Arcivescovo Donato mi ha chiesto di cambiare parrocchia, di proseguire il mio ministero sacerdotale nella comunità di Maria SS. Immacolata in Maglie. Verso la metà di maggio lascerò la parrocchia di San Michele in Minervino. Un nuovo ripartire, inseguendo la volontà di Dio. In questo momento sento solo di dire grazie a chi mi ha accolto e con cui siamo cresciuti insieme a Minervino in questi venti anni di percorso condiviso, e grazie a chi mi accoglierà nella nuova comunità di Maglie con pazienza e benevolenza, a partire dal carissimo don Giuseppe Mengoli. Grazie al Vescovo che mi affida questa responsabilità e grazie al Signore che, Buon Pastore, mi sostiene nel cammino e a cui mi affido».



Potrebbeinteressarti

Randagismo, convegno dei Lions a Galatone

Domani i Lions Club ‘Galatina, Galatone, Terre dell’Asso’ e ‘Salento Territorio e Ambiente’ hanno organizzato l'evento intitolato: ''Randagismo: storia di un successo e nuove proposte''.