Cronaca 

Nuovi varchi ZTL a Lecce: dal 19 giugno attive le telecamere

La videosorveglianza monitorerà gli accessi in entrata e in uscita

Il 19 giugno entrerà in funzione su varchi Ztl che prima ne erano sprovvisti la videosorveglianza degli accessi e delle uscite. A quella data saranno infatti trascorsi i 90 giorni dedicati al monitoraggio e alla sperimentazione degli impianti e alla campagna di comunicazione sulle plance del servizio di pubblica affissione e sui social istituzionali per garantire il dovuto preavviso alla cittadinanza, come da ordinanza dirigenziale il sistema sarà attivo in modalità sanzionatoria. L’attivazione della videosorveglianza ai varchi non introduce nuove limitazioni della circolazione dei veicoli in Ztl, ma si limita a potenziare i controlli sul rispetto di regole già in vigore.

I varchi sui quali sarà attivata la videosorveglianza sono i seguenti:  

• Vico Mondo Nuovo;
• Vico dei Fieschi;
• via Salvatore Trinchese intersezione con via XXV Luglio;
• Via dei Mocenigo intersezione via XXV Luglio;
• Via Roberto Di Biccari;
• Via Ludovico Maremonti intersezione viale Marconi;
• Via Mario Bernardini intersezione con via Duca degli Abruzzi;
• Via De Argenteris intersezione via Duca degli Abruzzi;
• Porta Rudiae intersezione via Adua,
• Piazza Arco di Trionfo Porta Napoli (in uscita);

Esclusivamente sul varco di Via Roberto di Biccari l’attivazione delle telecamere in modalità sanzionatoria ritarderà di qualche giorno a causa della necessità di un nuovo intervento Enel per il quale è in via di rilascio l’autorizzazione da parte della Soprintendenza.

Si ricorda che a Lecce è in vigore dal maggio 2021 la Ztl h18 e che dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 l’accesso in Ztl è libero da tutti i varchi.

L’accesso in Ztl è disciplinato da un apposito Regolamento che individua tutte le fattispecie per le quali è possibile richiedere il rilascio del pass per l’accesso illimitato o secondo fasce orarie: https://bit.ly/regolamentoZTL



Potrebbeinteressarti

Caraibi, muore un falegname salentino

Sergio Scorrano, 59 anni, viveva da tempo nell’arcipelago delle Grenadine lavorando come falegname. Fatale una caduta da un tetto che stava riparando dopo un urugano.