Ambiente Cronaca Lecce 

Segnaletica, accessibilità e isole ecologiche, in arrivo nuove dotazioni per Rauccio

La giunta comunale di Lecce ha approvato oggi il progetto per la realizzazione di interventi di miglioramento della fruizione del Parco.

La giunta comunale di Lecce ha approvato oggi il progetto per la realizzazione di interventi di miglioramento della fruizione del Parco naturale regionale ''Bosco e Paludi di Rauccio''. Gli interventi prevedono l’adeguamento della sentieristica del parco, la creazione di percorsi specifici per persone con disabilità, con l’acquisto di sedie dedicate al trekking, l’allestimento in area parco di isole ecologiche. Gli interventi saranno eseguiti dall’Ente Parco con risorse, circa 100.000 euro, relative al Piano di attuazione provinciale per l’ambiente, finanziato dalla Regione Puglia.

L’obiettivo del progetto, redatto dallo studio Metamor, è rafforzare l’identità del Parco e la percezione delle sue ricchezze ambientali, migliorarne l’accessibilità per le persone con disabilità, attrezzarlo meglio dal punto di vista della sostenibilità, dotandolo di servizi di raccolta differenziata più efficaci.


L’identità visiva del Parco sarà rinnovata, insieme alla segnaletica e alla cartellonistica interna che andrà a caratterizzare e identificare i percorsi di visita esistenti: botanico, faunistico, storico – culturale, idrogeologico, percorso delle colture tipiche, con la revisione grafica di elementi esistenti, la riorganizzazione delle informazioni in nuovi elaborati grafici che andranno a costituire la cartellonistica e le plance informative nei vari formati. Per ogni percorso di progetto sono stati individuati dei contenuti di interesse divulgativo, sugli habitat e i microsistemi che caratterizzano il parco, sulle sue peculiarità faunistiche, sulle tracce e gli edifici storici in esso custoditi. All’ingresso del Parco sarà posizionato un nuovo totem e nell’area umida sarà realizzata una nuova torretta per il birdwatching, la fermata del trasporto pubblico locale più vicina all’ingresso del Parco sarà brandizzata a tema, caratterizzandosi come fermata dedicata.

I percorsi del Parco saranno resi fruibili anche alle persone con disabilità, grazie all’acquisto di supporti specifici per il trekking come GMtes Handbike a propulsione elettrica per carrozzine, Sedia a rotelle elettrica Allegato handcycle Sedia a rotelle, Kit di conversione per Sedia a rotelle elettrica e alla realizzazione di apposita segnaletica e cartellonistica in braille. Nell’area parco, che si estende per circa 1600 ettari lungo il litorale adriatico a nord di Lecce, saranno realizzate due isole ecologiche in legno di pino con contenitori per la raccolta differenziata.


Il Bosco di Rauccio costituisce uno degli ultimi lembi dell’antica foresta prevalentemente di lecceta (Quercus ilex) che comprendeva tutta la fascia costiera che dal confine con la provincia di Brindisi arrivava ad Otranto. L'area del bosco di Rauccio scampò alla distruzione per la sua singolare posizione su un banco di roccia calcarenitica che rendeva impossibile lo sfruttamento agricolo. Nell'area del Parco insiste il complesso masserizio della metà del XVI secolo denominato ''Masseria di Rauccio'' con caratteristici elementi fortificatori. Da luglio è online il sito https://parcorauccio.it/ dedicato al Parco, con le news e le informazioni per una fruizione consapevole.

«Con questi interventi andremo a rinnovare l’identità comunicativa interna ed esterna del Parco, a potenziarne i percorsi e le infrastrutture interne per l’accessibilità e la sostenibilità - ha dichiarato l’assessora alle Marine Rita Miglietta - il Parco di Rauccio è un patrimonio di storia e natura del quale l’amministrazione comunale insieme all’Ente Parco si sta prendendo cura, partendo dalle necessarie attenzioni relative alla comunicazione, alla promozione, alla tutela, alle attività che in esso si realizzano grazie alla collaborazione con Wwf, Parkrun e Apis, con la prossima realizzazione di un bioparco apiario, con le Pro Loco e le associazioni di Torre Chianca, Spiaggiabella e Torre Rinalda che lavorano per la tutela e la promozione della nostra costa. Vogliamo che il parco sia sempre più fruibile e vivibile, serve che chi arriva si senta accolto e guidato per accedere alla bellezza che Rauccio può offrire».


Potrebbeinteressarti