Artisti internazionali sul palco di Arci: african party con Mama Marjas e tanti altri ospiti

giovedì 6 dicembre 2018

Domani, venerdì 7 dicembre, musica black a La Nuova Ferramenta di Lecce con Mama Marjas, Marem (Dancer/Italia), Congo (Dj/Italia), Chart Starboy (Mc/Gambia), Les Enfants Benis d’Afrique (Dancer Crew/Costa d’Avorio).

Arci Lecce presenta una grande festa dedicata all'accoglienza e all'integrazione. L'African Party fa tappa in Salento con una serata speciale venerdì 7 dicembre, ore 22, presso il circolo Arci La Nuova Ferramenta di Lecce. Un show tutto da ballare nel segno dell'afrobeat, che vedrà tra gli ospiti Mama Marjas, regina della black music in Italia, da sempre con la sua voce impegnata nel sensibilizzare su temi quali l’ambiente, l’integrazione e la promozione di una società multiculturale. 

L’African Party nasce da un’idea di Don Ciccio, pioniere della musica black, fondatore dell’etichetta Love University Records, nonché dj ufficiale di Mama Marjas, realizzato per la prima volta a Taranto nel 2014 come una grande festa in grado di unire ragazzi italiani e stranieri. 
 
Oltre a Mama Marjas e al producer Don Ciccio, durante l’African Party Tour 2018 saranno tanti gli artisti a salire sul palco: Marem (Dancer/Italia), Congo (Dj/Italia), Chart Starboy (Mc/Gambia), Les Enfants Benis d’Afrique (Dancer Crew/Costa d’Avorio). 
 
Lo show è realizzato con il sostegno del Mibact e di Siae, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, promosso dal Comitato Regionale Arci Puglia in collaborazione con Officine Stand by di Santeramo in Colle. 
 
*ingresso gratuito con tessera Arci 2018/2019 -
Altri articoli di "Musica"
Musica
18/03/2019
Tappa l'11 agosto del "Personale Tour".   Il "Personale ...
Musica
14/03/2019
Appuntamento per l’unica tappa al Sud Italia al Locus Festival di ...
Musica
12/03/2019
Al termine dell’ultimo concerto, il frontman dei ...
Musica
10/03/2019
Il cantautore e musicista racconta uno dei maestri della canzone ...
Uno studio multicentrico pubblicato ieri sulla rivista ‘The New England Journal of ...
clicca qui