Il progetto di Unisalento spicca il volo: Wimust, il robot sub, dà i primi risultati

mercoledì 15 febbraio 2017

Si sono conclusi i primi due anni di studi del progetto: esiti incoraggianti. E ora gli esperti stileranno un primo bilancio.

Il Progetto europeo di Robotica subacquea WiMUST, supportato da Horizon2020, diretto da ISME di Genova, Centro Interuniversitario di Sistemi Integrati per l’Ambiente Marino, e coordinato da Giovanni Indiveri dell’Università del Salento, entra nel vivo: gli esperti, dopo i primi due anni di studi, sono pronti a fare un primo bilancio della ricerca che stanno conducendo con entusiasmo. Il robot marino sta iniziando a dare i primi frutti sperati.
In questi giorni gli studiosi hanno finito di analizzare i dati raccolti durante l’esperimento preliminare di integrazione e l’esito è più che positivo. “Il sistema di acquisizione acustica e di navigazione dei robot marini intelligenti e cooperativi funziona.”, annunciano con soddisfazione dal team di WiMUST.
Il fatto che i robot marini siano stati messi alla prova solo in superficie è un primo e necessario step per la creazione della squadra di robot sub cooperativi: il fatto di averli usati in superficie ha consentito l’utilizzo del Gps e la comunicazione Wifi, mentre quando sono sommersi si può fare affidamento unicamente sui modem acustici.
Tutto pronto, dunque, per l’importante revisione europea che si svolgerà in Francia a marzo e alla
quale Giovanni Indiveri e i suoi colleghi sono pronti a partecipare, per mettere in luce i risultati ottenuti.
Il Progetto è supportato nell’ambito di Horizon2020 e coinvolge Università, Enti di Ricerca e aziende da sei Paesi d’Europa (Portogallo, UK, Francia, Germania, Italia e Olanda).
La caratteristica fondamentale di WiMUST consiste nell'uso di una squadra di robot marini autonomi cooperativi, in grado di ottimizzare la qualità dei dati di rilevamento e variare la geometria della formazione durante l’esplorazione.
Inoltre il progetto riunisce un gruppo di istituti di ricerca, società di rilevamento geofisico e alcune PMI con una comprovata esperienza in sistemi autonomi, comunicazioni, reti di controllo cooperativo e di navigazione, progettazione e fabbricazione di robot marini.
Oltre all’ISME, sono coinvolti: IST Istituto Superiore Tecnico di Lisbona, CINTALCentro di Investigazione Tecnologica di Algrave in Portogallo; l’Università di Hertfordshire in Gran Bretagna, e poi le aziende EvoLogics, Graal tech, CGG, Geo Marine Survey Sistems e Geosurveys.

Altri articoli di "Scienza e tecnologia"
Scienza e tecnolo..
07/04/2017
Nel cortile del museo ospitato il Planetario ...
Scienza e tecnolo..
15/02/2017
Dal 17 febbraio all’Ekotecne prendono il via le ...
Scienza e tecnolo..
13/02/2017
Davide Nisi, al primo anno di ingegneria al Politecnico di ...
Scienza e tecnolo..
07/02/2017
Via libera dalla giunta di Nardò, il servizio sarà completamente ...
Divertimento per grandi e bambini, per famiglie e comitive di amici tra un tuffo in piscina e tanti spettacoli. Mistura ...