Cronaca Politica Acaya Acquarica del C. Acquarica di Lecce Alessano Alezio 

Coronavirus, nuova ordinanza per le scuole pugliesi. Emiliano: "Studenti liberi di assentarsi"

La scelta di non andare a scuola per motivi precauzionali è ritenta legittima e non pregiudica la carriere scolastica. “Se gli studenti pugliesi ritengono a fini precauzionali di assenta...

La scelta di non andare a scuola per motivi precauzionali è ritenta legittima e non pregiudica la carriere scolastica. “Se gli studenti pugliesi ritengono a fini precauzionali di assentarsi da scuola o università, questa scelta non può costituire un pregiudizio e va tutelata”. E' una delle misure contenute nella nuova ordinanza regionale annunciata dal presidente Michele Emiliano. “I dirigenti scolastici di tutte le scuole di ogni ordine e grado della Puglia sino al 15 marzo 2020 possono attivare modalità di didattica a distanza al fine di consentire la prosecuzione dell’attività anche agli studenti che scelgano di assentarsi da scuola a fini precauzionali. La stessa disposizione è stata emanata anche per i rettori delle Università e per i vertici delle istituzioni di alta formazione. I datori di lavoro potranno applicare le norme sul lavoro agile a tutti i rapporti di lavoro subordinato. L’ordinanza si è resa necessaria perché il DPCM del 1 marzo 2020 non prevede la sospensione delle attività didattiche nelle scuole e nelle università per la Regione Puglia cosa che il Governo nazionale non ha ancora inteso fare. Ciononostante se gli studenti (o per loro le famiglie) ritengono a fini precauzionali di assentarsi da scuola o dall’università, questa scelta non può costituire un pregiudizio. Con l’ordinanza odierna viene confermato questo principio che rende legittima e giustificata tale scelta. L’ordinanza ricalca anche le disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri sul lavoro agile ed è tesa a incentivare l’utilizzo di questo strumento nel territorio pugliese”.

Potrebbeinteressarti

Un nuovo logo per gli 80 anni della Cgil Lecce

Scelta l’idea di Davide Colluto, studente del ''Don Tonino Bello-Nino Della Notte''. Per un anno accompagnerà le iniziative e la comunicazione del sindacato. Il 23 aprile la premiazione nella scuola a Poggiardo.