Politica Sanità Casarano 

Ospedale di Casarano, Casili: ''Impegno per la trasformazione in ospedale di primo livello''

Il vicepresidente del Consiglio regionale ha presentato un’interrogazione sulla situazione di emergenza dei reparti di Geriatria e Pronto Soccorso del ''Ferrari''.

Nei mesi scorsi, il vicepresidente del Consiglio regionale Cristian Casili aveva presentato un’interrogazione sulla situazione di emergenza, tra gli altri, dei reparti di Geriatria e Pronto Soccorso dell’ospedale ''Ferrari'' di Casarano, chiedendo di chiarire le cause che ostacolano la più volte annunciata trasformazione in presidio di primo livello e di procedere con interventi immediati.

Nella risposta arrivata dal Dipartimento Salute si legge testualmente che: ''Alla luce dell’ interrogazione di cui in oggetto, si rappresenta che tale richiesta verrà tenuta in considerazione nella pianificazione del successivo provvedimento di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale condividendone i contenuti con la Direzione Strategica della ASL di riferimento circa l’implementazione ospedaliera nell’ area basso Salento e la trasformazione dell’ Ospedale ''Ferrari'' di Casarano in Presidio Ospedaliero di primo livello, fermo restando i requisiti previsti dal D.M. 70/2015''.

''Continuerò a seguire la questione - ha dichiarato Casili - che interessa non solo Casarano, ma l’intero territorio. Una situazione su cui come Movimento 5 Stelle ci stiamo muovendo a tutti i livelli, partendo dal Gruppo Territoriale di Casarano. Il Ferrari continua ad essere una eccellenza, nonostante il continuo depotenziamento, come dimostrano i dati e i risultati portati avanti dalla struttura. Parliamo di un nosocomio che nei fatti ha specializzazioni proprie di un ospedale di primo livello, classificazione per cui c’era stato anche l’impegno della Regione Puglia nell’ambito della riorganizzazione della rete ospedaliera del Basso Salento. Alla luce della risposta ottenuta mi impegnerò ancora di più per arrivare al risultato, indispensabile per garantire il diritto alla salute nella nostra provincia''.


Potrebbeinteressarti


Vaccini e performance, busta paga leggera alla Asl di Lecce

Funzione Pubblica Cgil scrive alla Direzione Generale: ''Ritardi ingiustificati. Amministrativi, infermieri e Oss attendono da 2 anni e mezzo. Interessati oltre 200 lavoratori impiegati nel piano di vaccinazione e circa 6mila dipendenti cui spetta il conguaglio per la produttività''.