Ambiente Politica Società Melendugno 

Tap, Potì ai candidati alle politiche: "Firmate in diretta tv per fermare il gasdotto"

"Una firma per un impegno concreto da parte di chi ritiene che il progetto del gasdotto Tap sia incompatibile con questo territorio" si legge nell'appello lanciato dal sindaco di Melend...

"Una firma per un impegno concreto da parte di chi ritiene che il progetto del gasdotto Tap sia incompatibile con questo territorio" si legge nell'appello lanciato dal sindaco di Melendugno. "Una firma per fermare il gasdotto": è l'appello lanciato da Marco Potì, sindaco di Melendugno, a tutti i candidati alle elezioni politiche del prossimo 4 marzo. Un appello pubblico, lanciato in tv e poi condiviso su Facebook, che richiede una risposta altrettanto pubblica: la firma del contratto per fermare Tap dovrà infatti avvenire davanti alle telecamere. "Tutti i candidati alle elezioni politiche 2018, che ritengono che il progetto di gasdotto Tap sia incompatibile con questo territorio - scrive il primo cittadino -  possono firmare questo impegno per una serie di azioni concrete, che potrebbero essere utili a fermare i lavori ed i finanziamenti della Bei. Invitiamo a firmare l’impegno in maniera trasparente in tv, trasmissione Open di Telerama in onda il prossimo giovedì 1 marzo. In questo modo i cittadini elettori avranno coscienza e conoscenza di quanto si impegneranno a fare i propri rappresentanti nelle istituzioni democratiche. Ringraziamo in anticipo tutti i candidati che vorranno accogliere questa richiesta di patto territoriale. È questa semplicemente la democrazia!". Qui il contratto antigasdotto proposto da Potì.

Potrebbeinteressarti


Inaugurata la cassetta postale SOS antiviolenza della Uil Lecce

Mattinata ricca di emozioni con gli studenti dei licei “Banzi”, “Palmieri”, “De Giorgi” e dell’istituto tecnico “Deledda” che hanno dialogato con l’equipe della Polizia del Progetto Camper “Questo non è amore” e realizzato video e performance sui temi della violenza di genere e bullismo, con un sguardo alla condizione delle donne in Iran.