Curiosità Economia e lavoro Cutrofiano 

Cutrofiano, con la tote bag in viaggio tra La Via della Seta e gli Emirati

La Città della ceramica salentina porta la sua identità in giro per il mondo con risorse limitate grazie a una serie di oggetti di merchandising territoriale.

Può una piccola cittadina come Cutrofiano, portare la sua identità attorno al mondo con risorse limitate? A giudicare da questo scatto la risposta è sì. A sostenerlo è il presidente della Proloco di Cutrofiano, Marco Forte, che dopo aver realizzato con l'Associazione una serie di oggetti di merchandising territoriale, tra cui una tote bag con gli elementi che caratterizzano la città, come le iconiche ceramiche, ne ha fatto dono alla travel writer Barbara Perrone, nota come tangibiliemozioni, durante una sua visita tra le bellezze cittadine.

''La tote bag è stata pensata sia per essere un ricordo funzionale, sia come strumento di riduzione dell' utilizzo delle plastiche e quindi riduzione dell' inquinamento ma anche di promozione turistica - afferma il presidente Proloco Cutrofiano Marco Forte -. Certo mai ci saremmo aspettati che il nostro dono potesse entrare in valigia ed essere raccontato e fotografato dalla famosa travel writer Barbara Perrone  all'interno del suo recente viaggio tra Uzbekistan ed Emirati Arabi''.

''La creazione di oggetti funzionali e riutilizzabili pensati per la promozione territoriale, unita alla capacità di creare delle pubbliche relazioni che nascono grazie all'utilizzo sano dei social, innesca queste piacevoli sorprese - afferma la travel writer Barbara Perrone - e personalmente è stato naturale e spontaneo, mettere la shopper in tela all'interno della mia valigia, perchè è alleata preziosa anche in viaggio, diventando anche pretesto narrativo e di creazione di nuovi ponti umani e culturali, in una terra come l'Uzbekistan che in comune con Cutrofiano ha proprio l'arte della ceramica''.


Potrebbeinteressarti


Vaccini e performance, busta paga leggera alla Asl di Lecce

Funzione Pubblica Cgil scrive alla Direzione Generale: ''Ritardi ingiustificati. Amministrativi, infermieri e Oss attendono da 2 anni e mezzo. Interessati oltre 200 lavoratori impiegati nel piano di vaccinazione e circa 6mila dipendenti cui spetta il conguaglio per la produttività''.