Curiosità Economia e lavoro Maglie 

A Maglie la migliore azienda per cui lavorare nel Sud Italia

Si tratta del network di farmacie GalileoLife. Emerge dalla prima edizione della classifica Best Workplaces in South Italy

Il network di farmacie GalileoLife, con sede a Maglie, in provincia di Lecce, è la migliore azienda per cui lavorare nel Sud Italia. È quanto emerge dalla prima edizione della classifica Best Workplaces in South Italy, il ranking che racchiude le 8 migliori aziende del Mezzogiorno per cui i dipendenti sono più felici di lavorare, stilato da Great Place to Work Italia, impresa leader nello studio e nell’analisi del clima aziendale, della trasformazione organizzativa e dell’employer branding.

La ricerca completa è consultabile al segunte link: https://www.greatplacetowork.it/risorse/employer-randing/ecco-la-classifica-best-workplaces-in-south-italy-2023. L’orgoglio è la dimensione chiave che contraddistingue i migliori luoghi di lavoro del Sud Italia. Organizzazioni che, rispetto ad alcuni indicatori specifici oggetto d’analisi, sono in grado di realizzare delle performance addirittura migliori rispetto a quelle delle principali realtà imprenditoriali del Centro-Nord Italia: si pensi ad esempio alle dimensioni dell’equità e dell’orgoglio che sono percepite più positivamente da parte dei collaboratori delle aziende del Sud (85% e 90%) rispetto a quelli centro-settentrionali (83% e 88%).

E ancora al Trust Index, la media delle risposte positive al questionario sottoposto da Great Place to Work Italia ai dipendenti delle organizzazioni analizzate, il cui dato (87%) è superiore di un punto percentuale nel confronto con quello dei Best Workplaces del Nord e Centro Italia (86%). Una forbice che si amplia ancora di più, toccando i tre punti percentuali (93% vs 90%), nel caso dell’indice di Overall Satisfaction. Altre tematiche nelle quali le imprese del Meridione spiccano nel confronto con il resto del Paese riguardano l’innovazione (+14%), il senso di squadra e l’equità nelle retribuzioni (+12%), la meritocrazia (+11%), la motivazione personale (+10%) e il work life balance (+9%).

Naturalmente, esistono anche aree tematiche in cui le migliori aziende del Sud possono imparare dai Best Workplaces del Nord e Centro Italia: la comunicazione a due vie ed in particolare quella informativa, ad esempio, è percepita molto più positivamente dai collaboratori delle aziende centro/settentrionali, così come per quanto riguarda i benefit a disposizione in azienda, oltre al coinvolgimento dei collaboratori nelle decisioni e l’apprezzamento per un lavoro ben fatto, ma anche per la responsabilizzazione delle persone e la fiducia che facciano un buon lavoro a prescindere dalle dinamiche di controllo.


''I risultati emersi dalle analisi e dall’ascolto delle aziende del Sud Italia sono davvero incoraggianti e spero possano fungere da spunto di riflessione per altre realtà del Meridione – dichiara Beniamino Bedusa, Presidente di Great Place to Work Italia – Ci sono tantissime organizzazioni eccellenti e con una cultura organizzativa all’avanguardia anche nel Sud del nostro Paese che però non hanno ancora una consapevolezza tale da spingersi a mettersi in gioco e a dare voce alle proprie persone. Spero che i Best Workplaces in South Italy 2023 siano d’esempio per altre aziende nel porre un focus sempre più costante sulle tematiche legate al benessere organizzativo, alla cura e all’ascolto dei propri collaboratori, favorendone crescita, orgoglio e sviluppo professionale. Spero inoltre che questo ranking possa finalmente dare risalto ad una territorialità non sempre valorizzata e che contribuisca a promuovere una cultura del lavoro positiva nelle regioni del Sud del nostro Paese''.

Entrando ancor più nel dettaglio del ranking dei Best Workplaces in South Italy è possibile notare come le regioni del Sud con il maggior numero di imprese presenti in classifica sono la Puglia e l’Abruzzo (29%), seguite da Calabria e Campania (14%), chiudono la classifica Molise e Sardegna (7%). Sicilia e Basilicata invece non hanno imprese presenti all’interno nel ranking.

Come settori produttivi il maggior numero di organizzazioni in classifica appartiene all’Information Technology (36%), davanti a healthcare (22%), servizi finanziari e assicurativi e servizi professionali (14%), manifatturiero, produzione e servizi industriali (7%).

Dal punto di vista dimensionale, infine, si tratta esclusivamente di piccole e medie aziende del Sud Italia. I collaboratori delle imprese del Mezzogiorno appartengono prevalentemente al genere maschile (60%), mentre a livello anagrafico è possibile osservare una popolazione mediamente più giovane nelle regioni del Sud Italia, in particolare nelle fasce 26-34 anni e 35-44 anni, con quest’ultima che tocca quasi il 40% della forza lavoro intervistata.

Ma quali sono le altre 7 aziende che compongono il ranking dei Best Workplaces in South Italy? Detto di GalileoLife che occupa la prima posizione, al secondo posto troviamo l’abruzzese Nebulab, attiva nel settore IT mentre occupa il terzo gradino del podio Novidis, un’altra organizzazione IT con sede a Colonnella, in provincia di Teramo. Completano la classifica la calabrese ACSoftware Srl (Information Technology), le campane P.A. Advice SpA (servizi professionali) e Unobravo (farmaceutico), la molisana Prestiter (servizi finanziari e assicurativi) e la pugliese Andriani S.p.A. (manifattura e produzione).


Potrebbeinteressarti


Vaccini e performance, busta paga leggera alla Asl di Lecce

Funzione Pubblica Cgil scrive alla Direzione Generale: ''Ritardi ingiustificati. Amministrativi, infermieri e Oss attendono da 2 anni e mezzo. Interessati oltre 200 lavoratori impiegati nel piano di vaccinazione e circa 6mila dipendenti cui spetta il conguaglio per la produttività''.