Cronaca Sanità Casarano 

Ospedale Casarano, il Tribunale annulla la nomina del dott. Leaci

Disposta la riedizione della procedura comparativa per il conferimento dell’incarico di Responsabile della Unità Operativa Semplice a Valenza Dipartimentale “Anestesia e Rianimazione”.

Il Tribunale di Lecce con ordinanza del 20 marzo scorso, in accoglimento del ricorso proposto dal Dott. Giovanni Franza, in servizio presso l’Ospedale Civile “Ferrari” di Casarano nella UOC di Anestesia, Rianimazione Terapia del Dolore, ha annullato la nomina del dott. Leaci ordinando alla ASL Lecce la riedizione della procedura comparativa per il conferimento dell’incarico di Responsabile della Unità Operativa Semplice a Valenza Dipartimentale “Anestesia e Rianimazione” del P.O. di Casarano, afferente al Dipartimento Integrato di Emergenza-Urgenza.

La ASL Lecce ha violato le regole del CCNL e quelle del regolamento interno: difatti, nella valutazione dei candidati l’Azienda avrebbe dovuto “sentire i direttori delle UOC del dipartimento” e procedere alla comparazione delle proposte.

Se è vero che l’Amministrazione si è vincolata a motivare sul perché il candidato sia comparativamente migliore ha, di fatto, proceduto alla nomina del Responsabile dell’unità Operativa Semplice del P.O. di Casarano sulla base della proposta avanzata dal Coordinatore delle UU.OO.CC di Anestesia e Rianimazione, così violando l’art. 19 del CCNL e quelle del regolamento della medesima Azienda. Sicché, il Tribunale, ha disposto la riedizione della procedura comparativa alla luce delle violazioni riscontrate.

Ebbene, la ASL Lecce, prendendo atto dell'importante pronuncia resa dal Tribunale di Lecce, con provvedimento del 28 marzo ha disposto la riedizione della procedura comparativa per conferimento dell’incarico di Responsabile della Unità Operativa Semplice a Valenza Dipartimentale “Anestesia e Rianimazione” del P.O. di Casarano.


Potrebbeinteressarti


Vaccini e performance, busta paga leggera alla Asl di Lecce

Funzione Pubblica Cgil scrive alla Direzione Generale: ''Ritardi ingiustificati. Amministrativi, infermieri e Oss attendono da 2 anni e mezzo. Interessati oltre 200 lavoratori impiegati nel piano di vaccinazione e circa 6mila dipendenti cui spetta il conguaglio per la produttività''.