Arte e archeologia Cronaca Società Lecce 

Statua di S. Oronzo, da Ancos Confartigianato Lecce altri 40mila euro per l'originale

La somma donata attraverso la piattaforma Art Bonus del Ministero della Cultura sarà destinata a trovare un'adeguata sistemazione all'opera ora custodita a Palazzo Carafa.

''La Ancos Confartigianato Lecce ha effettuato una donazione di 40mila euro sulla piattaforma Art Bonus del Ministero della Cultura, dov'è tuttora attiva la raccolta fondi avviata dal Comune per la statua di S. Oronzo. L'obiettivo è finanziare la realizzazione della copia da posizionare sulla colonna romana in piazza e musealizzare in maniera adeguata l'originale''.

Ad annunciarlo sulla propria pagina istituzionale facebook è stato il sindaco Carlo Salvemini che ha poi aggiunto: ''La somma di 200mila euro necessaria per la copia è stata già raggiunta nei mesi scorsi grazie alle generose donazioni della Fondazione Banca Popolare Pugliese e dell'azienda Ediltunnel insieme a centinaia di versamenti arrivati da imprese del territorio e cittadini.

Questi 40mila euro, quindi, saranno destinati all'ultima parte del progetto che prevede la valorizzazione dell'opera originale, attualmente conservata nell'ingresso principale di Palazzo Carafa e visibile al pubblico, nell'attesa di concordare con Curia e Soprintendenza la sua sistemazione definitiva.

Ringrazio il presidente Mario Vadrucci e tutti gli associati di Ancos Confartigianato per la sensibilità che hanno dimostrato affiancandoci in questa importante operazione. Se oggi possiamo considerare riuscita la raccolta fondi per la statua di Sant'Oronzo, lo dobbiamo alla mobilitazione di tanti leccesi e di tante realtà locali. Quando fra meno di un anno Sant'Oronzo tornerà ad occupare il suo posto sulla colonna della piazza e la statua originale sarà custodita al sicuro e fruibile a tutti, chi ha contribuito saprà che una parte del merito è sua''.


Potrebbeinteressarti


Inaugurata la cassetta postale SOS antiviolenza della Uil Lecce

Mattinata ricca di emozioni con gli studenti dei licei “Banzi”, “Palmieri”, “De Giorgi” e dell’istituto tecnico “Deledda” che hanno dialogato con l’equipe della Polizia del Progetto Camper “Questo non è amore” e realizzato video e performance sui temi della violenza di genere e bullismo, con un sguardo alla condizione delle donne in Iran.