L'appello del parroco di Specchia: "La giustizia per Noemi non si ottiene con la vendetta"

domenica 17 settembre 2017
L'invito a pacificare gli animi dopo la notizia delle due molotov lanciate all'indirizzo della casa del 17enne.


“Invito tutti i cittadini e i parrocchiani di Specchia a mantenere la calma ed il controllo delle parole e delle azioni e a non commettere gesti di cui poi potrebbero pentirsi perché non è con la vendetta che si ottiene giustizia per la povera Noemi". É l'appello rivolto oggi ai cittadini di Specchia dal parroco, don Antonio De Giorgi. Un invito alla pacificazione che arriva a poche ore dalla notizia delle due moltov contro la casa del 17enne reoconfesso dell'omcidio.

"La violenza porta solo altra violenza - sostiene il parroco - in una spirale che alla fine rischia di distruggere anche l'ultimo brandello di umanità". "La rabbia è tanta ed è comprensibile - aggiunge -, ma la voglia di farsi giustizia da soli non è la soluzione razionale e giusta. Abbiamo fiducia nella giustizia; nelle sedi opportune la comunità di Specchia avrà modo di far sentire la propria voce e di dare tutto il supporto legale necessario alla famiglia Durini-Rizzo che chiede giustizia per Noemi". 
Nelle scorse ore il Gip del Tribunale dei minori di Lecce ha convalidato il fermo del ragazzo e ha disposto la custodia in una struttura protetta fuori dalla Puglia. L'autopsia sul corpo di Noemi sarà effettuata probabilmente martedì prossimo.

 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
25/01/2020
La barca, probabilmente un peschereccio, si è ...
Cronaca
25/01/2020
La giovane ha scelto di lanciare un appello dalla bacheca ...
Cronaca
25/01/2020
L’incidente alle prime luci di oggi, nel centro ...
Cronaca
25/01/2020
L'uomo dovrà rispondere di deturpamento di bellezze ...
A gennaio 2020 sono già saliti a quota 35 i casi di morbillo nella sola area del nord leccese, ma se ne ...
clicca qui