Università Lecce 

“Life and soft skills”, Unisalento promuove corsi interdisciplinari per 400 studenti

Il 30 novembre 2021 la presentazione del progetto con l’intervento dell’allenatore della nazionale maschile di pallavolo Ferdinando “Fefè” De Giorgi

Saranno circa 400 gli studenti e le studentesse dell’Università del Salento che, su base volontaria, potranno partecipare ai corsi interdisciplinari che l’Ateneo ha programmato nei prossimi mesi con l’obiettivo di rafforzare le “life and soft skills”, abilità e saperi non tecnici che influiscono sul successo formativo e su un più efficace e soddisfacente inserimento nel mondo del lavoro.

Il progetto, per la responsabilità scientifica della professoressa Emanuela Ingusci, verrà presentato nel corso dell’incontro “Soft e life skills. Il lavoro del futuro, il futuro del lavoro”, in programma martedì 30 novembre 2021, alle ore 9.30, in presenza nella sala conferenze del Rettorato (piazza Tancredi 7, Lecce) e online su https://unisalento.it/softlifeskills.

Dopo i saluti del Rettore Fabio Pollice e del Delegato all’Offerta formativa Attilio Pisanò e la presentazione del progetto a cura di Emanuela Ingusci, interverrà all’incontro Ferdinando “Fefè” De Giorgi, allenatore della nazionale maschile di pallavolo, oro agli Europei, che parlerà di “Noi Italia Pallavolo: Oro Europeo in 30 giorni. Come allenare, come fare squadra e quali valori usare con dei giovani doc”; con De Giorgi dialogherà il Delegato all’Orientamento in entrata e in uscita Amedeo Maizza. I lavori si chiuderanno con una discussione plenaria, moderata dal Direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche Luigi Melica, sul tema “Dal successo nello sport al successo nella vita”.

«Potenziare le attività per l’apprendimento permanente e per la promozione delle competenze trasversali, organizzando la “messa in valore” delle soft e life skills (SLS) per favorire la crescita personale e l’autorealizzazione è l’obiettivo di questo progetto», spiega la professoressa Ingusci, «Per gli studenti delle lauree triennali l’intento è lavorare su SLS di base, in modo da garantirne la conoscenza e l’autoconsapevolezza in relazione alla primaria questione della progettazione esistenziale e della partecipazione sociale, con ricadute positive sul successo formativo. Per gli studenti delle lauree magistrali e a ciclo unico, invece, l’intento è approfondire la conoscenza e l’esercizio di SLS più focalizzate sulla costruzione di carriera e sul mondo delle professioni. La testimonianza di Ferdinando De Giorgi ci aiuterà a illustrare concretamente quanto contano queste competenze per il raggiungimento dei propri obiettivi».

Dopo i corsi per gli studenti, ne verranno promossi altri per docenti e personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo.


Potrebbeinteressarti