Cronaca Ugento 

In servizio la notte di Ferragosto con 30 gradi, l'appello del soccorritore: «Riflettete, siamo tutti a rischio»

Con la tuta isolante, nonostante la temperatura: «Pensate anche a noi»

È in servizio sulla sua ambulanza con la tuta, i calzari, i guanti, la mascherina, la visiera. Manolo Perruccio è un soccorritore di Ugento e per lui, come per tutti coloro che lavorano guardando negli occhi il Covid-19, la recrudescenza dei contagi è un pessimo segnale.

Il suo post su Facebook ha un solo scopo: quello di aprire una riflessione, invitando tutti a divertirsi, ma in maniera responsabile.

«15/08/2020 - scrive il soccorritore sul suo profilo social - ricorderò personalmente questa data: ore 21:30, 30 gradi. Sfiderei chiunque tra tutti coloro che amano la vita mondana e non rispettano il distanziamento sociale, ballano in discoteca ironizzando “non ce n'è Covid”, deridendo il momento. Vorremmo voi al nostro posto. Non ci gratifica sentirci chiamare eroi, vorremmo solo che vi ricordaste che siamo esseri umani come voi! Amiamo il nostro lavoro ed è per questo che non abbandoneremo mai nessuno. Vi invitiamo solo a riflettere e a divertirvi responsabilmente, perché alla fine anche voi siete sottoposti a rischio!».

Potrebbeinteressarti