Economia e lavoro Eventi Turismo Gallipoli 

Prospettive del turismo nautico nella blue economy: l’esperienza di Confcommercio

Sabato a Gallipoli saranno illustrate le attività con cui contribuire a definire un nuovo scenario per la sostenibilità del comparto in Puglia.

Sabato 29 ottobre a Gallipoli, nel corso del workshop ''Madre Mare: la Blu Economy, prospettive per il futuro'', organizzato in occasione della Settimana della Cultura del Mare, Confcommercio Puglia presenterà le attività con cui sta contribuendo a definire un nuovo scenario per la sostenibilità del turismo nautico in Puglia, un settore con un potenziale solo parzialmente esplorato e che, invece, merita una progettualità dedicata e innovativa.

Confcommercio Puglia ha elaborato un’analisi territoriale per lo studio del turismo nautico nell’ambito del Progetto “PORTOLANES”, finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia – Italia 2014-2020, con un partenariato composto da UPI Puglia, in qualità di capofila, Ministero del Turismo greco, Unione Regionale delle Municipalità dell’Epiro, Network delle città europee per lo sviluppo sostenibile, il cui obiettivo è quello di valorizzare su tutta l’area regionale pugliese e a livello transfrontaliero il turismo nautico.

''Dall’analisi si possono evincere le potenzialità innovative dei porti turistici pugliesi, i comportamenti e le aspettative dei diportisti - afferma il direttore generale Giuseppe Chiarelli, che sarà tra i relatori del workshop del 29 ottobre -. Esaminare le criticità dei porti e le opportunità ancora da esplorare per questo settore su un territorio con 900 km di coste ha fatto emergere l’assenza di specifiche politiche di promozione e commercializzazione della proposta territoriale rivolta al turista nautico, rilevando scarsa offerta di informazioni e di servizi che favoriscano l’integrazione tra costa ed entroterra – continua il direttore generale Giuseppe Chiarelli - L’obiettivo è offrire ai diportisti, velisti o 'motoristi', un’alternativa alla vita di mare, connettendo i porti all’entroterra attraverso pacchetti turistici attraenti, con un approccio sostenibile e con il coinvolgimento attivo delle comunità. In parallelo, si è evidenziata la necessità di sostenere il turismo nautico con personale qualificato e tecnologie smart che possano migliorare l’esperienza dei diportisti, favorendo un accesso facilitato e immediato a informazioni di grande utilità, nonché monitorare, ad esempio, le condizioni delle aree portuali in un’ottica di tutela dell’ambiente''.

Maurizio Maglio, Presidente Confcommercio Lecce, sottolinea: ''Ritengo sia strategico, per un settore che rappresenta uno straordinario volano per l’economia, sostenere interventi di riqualificazione delle strutture portuali e diportistiche, potenziare i servizi, digitalizzare e mettere in rete l’intero sistema portuale. Il ruolo dell’associazionismo di categoria è quello di valorizzare l’alto potenziale del turismo nautico che ancora, nell'area transfrontaliera marittimo italo-greca, non è stato sufficientemente sviluppato e che per rafforzarsi necessita di una pianificazione comune. Pertanto, l’esperienza di Confcommercio consente di dare concretezza a questi obiettivi in modo dinamico e interconnesso: da una parte la valorizzazione del turismo nautico, con un’offerta che includa anche la scoperta delle ricche risorse culturali e naturali dell'entroterra, dall’altra l’implementazione e il potenziamento di strumenti ICT intelligenti, indispensabili affinché questa forma di turismo possa evolvere con successo nelle regioni interessate''.


Potrebbeinteressarti