Turismo Puglia sette 

Stagione estiva, Emiliano avverte: «Tamponi a tutti i turisti che vengono in Puglia»

Il presidente della Regione Puglia ha annunciato alcuni provvedimenti per permettere alle strutture di accogliere i visitatori in sicurezza. Intanto è stata annunciata la conferma della proroga delle concessioni balneari al 2033

«Stiamo pensando a misure molto rigide a tutela della salute, che consenta a chiunque decida di passare le vacanze in Puglia di effettuare tamponi all’entrata delle strutture turistiche per garantire tutti gli altri ospiti”. Il governatore pugliese Michele Emiliano, in una intervista a Rai Radio1, ha annunciato alcuni provvedimenti che la Regione Puglia intende adottare per salvaguardare i turisti e, allo stesso tempo, permettere che la stagione estiva non vada persa».

«Far saltare tutta la stagione - ha aggiunto Emiliano - è un’alternativa terrificante perché significa perdere un miliardo di fatturato annuo e centinaia e centinaia di aziende”. Per questo la Regione sta studiando “misure severe ma che tutelino l’idea di vacanza, innanzitutto, ma che possano, al contempo tutelare le strutture e il capitale umano, perché se le aziende turistiche decidono di cambiare i loro interessi demoliamo un lavoro straordinario che la Puglia ha realizzato negli ultimi 15 anni, facendola diventare una delle mete turistiche più ambite».

Intanto il Governo ha confermato la proroga al 2033 delle concessioni balneari. Negli scorsi mesi, infatti, alcune amministrazioni avevano disapplicato la norma introdotta a fine 2018: per fugare l'incertezza il Mibact ha proposto la sospensione di ogni procedimento di riassegnazione o riacquisizione eventualmente avviato

«Questo provvedimento va nella direzione auspicata da Federbalneari nei giorni scorsi - ha sottolineato il presidente Mauro Della Valle-. Senza la certezza dell’estensione della durata delle concessioni, infatti, gli imprenditori balneari, già drammaticamente colpiti dalla crisi del sistema turistico dovuta al Covid-19, non possono avere accesso a nessuno degli strumenti di credito previsti per le altre categorie e, quindi, a nessun sostegno economico. È evidente come questa situazione di incertezza sottoponesse gli imprenditori balneari a grandissimi interrogativi sull’avvio della stagione. Questo è un, seppur fondamentale e importantissimo, primo passo: è necessario ora che i Comuni recepiscano immediatamente il provvedimento rendendolo operativo e che il Governo prenda in considerazione il pacchetto di misure economiche straordinarie presentate da Federbalneari».

Potrebbeinteressarti