Politica Taviano 

Taviano, s’insedia la nuova commissione pari opportunità: Verardi presidente

Sono 27 i componenti della nuova Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Taviano riunitasi, nel rispetto ovviamente delle misure anticontagio, mercoledì sera presso l'aula consiliare del Comune di Tavian per l’insediamento ufficiale

Sono 27 i componenti della nuova Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Taviano riunitasi, nel rispetto ovviamente delle misure anticontagio, mercoledì sera presso l'aula consiliare del Comune di Tavian per l’insediamento ufficiale.

Alla presenza della presidente CPO della Provincia di Lecce Teresa Chianella, del vice sindaco e assessore alle politiche sociali e pari opportunità Serena Stefanelli, e delle consigliere comunali, nonché componenti di diritto della medesima commissione, Paola Cornacchia, Viviana Calzolaro, Sabrina Burlizzi, Daniela Meneleo, Teresa Sabato.

Una commissione che si prefigge l'obiettivo di proporre iniziative a carattere culturale allo scopo di promuovere interventi e politiche di rimozione di ogni ostacolo all'uguaglianza e all'integrazione sociale, e di ogni discriminazione e differenza, soprattutto di genere; “all’eliminazione di ogni differenza, molti continuano purtroppo a fare l'indifferenza; il mio contributo pertanto è orientato dalla stella polare di un mondo eguale, senza discriminazioni e violenze”:  sono le parole della più giovane dei componenti, Erika Leone, appena ventisei anni e neo dottoressa in giurisprudenza.

È lo stesso entusiasmo di tutti i componenti: Elena Lucrezia, Stefania Federico, Annamaria Borgia, Mirella Esposito, Federica Pasca, Giulia Miglietta, Simona Caputo, Simona Montanile, Luciana Zompí, Sara Manni, Tamara Manzo, Mariangela Peschiulli, Elisa Parata, Sabina Manni, Chiara Olimpio, Cristiana Damiano, Larissa Marsano, Claudia Sansone, Gloria De Pascali, Giovanna De Pascali, Emanuela Garofalo, Elisa Palma, Consiglia Preite, Paola Reho, Federica Ungaro.  

Tutte professioniste e madri di famiglia che intendono prestare il loro servizio e la propria professionalità affinché si possano attivare degli interventi orientati a rispondere ai bisogni di molte donne alla ricerca di riferimenti prossimi come spiega Giulia, dottoressa psicologa, neo componente della commissione. E per la prima volta nella storia cittadina, viene eletto come Presidente un uomo: Francesco Verardi, dottore commercialista e revisore contabile, già garante dei disabili per il Comune di Taviano e da diversi anni impegnato nel sociale attraverso la sua adesione ad associazioni no profit,  unico componente di sesso maschile, affiancato dalla Vice presidente Elena Lucrezio, avvocato ed insegnante nelle scuole superiori,   e che si dice onorato di ricoprire tale ruolo in una “commissione composta da persone di grande valore di e professionalità”, e continua: “Sono certo che sapremo dare lustro alla nostra città presentandoci come esempio di senso civico, equilibrio e competenza. Abbiamo percepito sin da subito un'atmosfera di grande amicizia e armonia, e con questi presupposti possiamo attenderci ottimi risultati. Sono sinceramente grato per la fiducia accordatami”. 

E soddisfazione esprime anche il vicesindaco Serena Stefanelli che afferma: “Questa mia seconda esperienza di assessore alle pari opportunità si avvia in modo originale, con un uomo a capo di un gruppo di 34 donne, tra componenti candidate e componenti di diritto della neo costituita commissione; un gruppo folto e variegato per personalità, competenze e professionalità. Mi auguro che il percorso iniziato ieri possa dare ottimi risultati in termini di contrasto di ogni forma di disuguaglianza e di violenza”. Ed anche per il sindaco Giuseppe Tanisi “una società può dirsi veramente libera e avanzata quando ha superato ogni forma di discriminazione e di disuguaglianza; sociale, economica, culturale, e ancor più una disparità di genere non più tollerabile e che mal si concilia con la modernità. Non vi può essere sviluppo e progresso sociale ove allignino ancora forme, sia pure subdole, di disparità, di disuguaglianza e di violenza. Pertanto il mio augurio alla neo costituita commissione, a tutti i suoi componenti di cui mi onoro di essere amico, è che si possa intraprendere un percorso che incida nella coscienza di ogni nostro concittadino, a promozione di valori fondanti un’autentica civiltà”.

 

Potrebbeinteressarti