Cronaca Taviano 

Nullatenente e con il reddito di cittadinanza, in casa nascondeva 625mila euro

Gli investigatori hanno seguito le tracce della droga sequestrata la scorsa settimana ad un commerciante del Basso Salento

Hanno seguito le tracce dell'ingente quantitativo di stupefacente sequestrato ad un commerciante del basso Salento per risalire a chi glielo avrebbe ceduto e sequestrare un ingente quantità di denaro.

E' la conclusione di una breve attività investigaativa della Squadra Mobile della Questura condotta insieme al personale del Commissariato di P.S. di Taurisano e ad un' unità cinofila di Brindisi.

Il decreto di perquisizione domiciliare, emesso dalla locale Procura della Repubblica, è stato esguito a carico di un 39enne di Taviano, già noto alle forze di Polizia, ritenuto il responsabile della cessione di sostanze stupefacenti.

La minuziosa perquisizione estesa anche ad altre abitazioni nella disponibilità dell’indagato, sulla carta nullatenente e perciò destinatario di “reddito di cittadinanza”, ha consentito di rinvenire e sequestrare una somma di denaro contante di oltre 625mila euro. L’ingente somma era abilmente occultata all’interno dell’abitazione prevalentemente occupata dalla madre del soggetto, anch’essa beneficiaria del RdC.

Il rinvenimento dell’ingente somma di denaro, peraltro assolutamente sproporzionata se rapportata al tenore di vita ed al reddito del soggetto, integrata dal ritrovamento degli strumenti tipici allo stoccaggio e smistamento di sostanze stupefacenti, hanno portato al sequestro.


Potrebbeinteressarti