Solidarietà Minervino di Lecce 

«Dispense vuote, non sappiamo come aiutare gli indigenti», l'associazione benefica chiede aiuto

All'appello dell'associazione Dalla parte dei più deboli ha risposto un imprenditore di Minervino che ha donato due bancali di generi alimentari

L'emergenza nell'emergenza. In questi giorni di difficoltà per tutto il Paese, tante famiglie indigenti si ritrovano allo stremo: ed è per questo che le  associazioni benefiche non hanno smesso di operare il bene raccogliendo beni di prima necessità e donandoli a chi ne ha bisogno.

È quello che accade ogni giorno all'associazione ''Dalla parte dei più deboli'' di Muro Leccese. 

In questi giorni di emergenza sanitaria - scrive il presidente Sandro Barone - molte famiglie si ritrovano abbandonate a loro stesse. Più di prima. Di continuo veniamo contattati per aiuti alimentari. Ma purtroppo, gli alimenti iniziano a scarseggiare

Da qui l'appello alla sensibilità generale a cui ha risposto per primo un imprenditore di Minervino di Lecce, Salvatore Giannetta, che ha donato due pedane di alimenti. 

Potrebbeinteressarti