Società Lecce 

Un libro per ricordare Don Di Nanni: l'evento a Lecce

Messa e presentazione del volume dedicato al parroco che incarnò i valori morali ed educativi di San Giovanni Bosco

Sarà presentato giovedì 20 gennaio, alle ore 19, nella Basilica dei Salesiani di Lecce, il libro “Grazie don Di Nanni”, il volume che raccoglie testimonianze e aneddoti legati alla storia di Don Natale Di Nanni a cent’anni esatti dalla sua nascita. Un sant’uomo, da più parti considerato autentico erede morale ed educativo di San Giovanni Bosco.

Don Natale di Nanni, originario di Andria, ha lasciato una traccia importante a Lecce, la città che lo ha accolto a braccia aperte e che lo ha amato tanto grazie alla sua generosità, al suo grande altruismo e alla sua umiltà. Un salesiano a tutto tondo. Un uomo vero. Un uomo libero, empatico, coinvolgente che ha saputo regalare gioia e amore grazie ad un carattere gioviale ed esuberante ponendosi ultimo tra gli ultimi, ai quali ha dedicato la sua vita.

All’iniziativa - promossa dagli Exallievi salesiani di Lecce – prenderanno parte il direttore della Casa Salesiana di Lecce, don Francesco Redavid, il parroco dei Salesiani, don Pasquale D’Angelo, il presidente degli Exallievi di Lecce, Gino Foscarini, gli exallievi Arturo Vannelli, Umberto De Filippi e Pietro Quinto, don Tommaso De Mitri, don Carlo Cassatella, alcune autorità cittadine, tra cui il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, e Anna Di Nanni, cugina di secondo grado di don Di Nanni.

La figura di don Di Nanni sarà tratteggiata dall’ex allievo Angelo Micello; la presentazione del libro è affidata invece alla professoressa Liliana Mangeli. La serata sarà coordinata dall’ex allievo Mario Greco.

La presentazione del libro verrà preceduta da una messa solenne a partire dalle ore 18. Domenica 6 febbraio al parco intitolato a don Di Nanni, tra via D’Andrea e via Biasco, è in programma invece un momento di preghiera alla presenza dell’Arcivescovo di Lecce, monsignor Michele Seccia.


Potrebbeinteressarti


Sesso in carcere? Proposta inutile e demagogica

Donato Capece, Segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, commenta alcune indiscrezioni sul riconoscimento e l'esercizio di questo diritto per i detenuti: Meglio permessi premio ai più meritevoli.