Società Lecce 

Insulti sessisti a Teresa Bellanova, la condanna della Cisl

Sotto accusa il tweet di un professore dell'università di Jena: «Una volta le donne in difficoltà finivano nella prostituzione. Oggi fanno scelte anche più umilianti: diventano renziane».

«Esprimo la mia più partecipata solidarietà alla viceministra Teresa Bellanova, oggetto di quotidiane offese sessiste e nelle ultime ore insultata perfino da un docente italiano dell’Università tedesca di Jena- il segretario generale della Cisl di Lecce condanna in una nota gli insulti di cu è bersaglio la viceministra ai Trasporti e deputata di Italia Viva.


«Una volta le donne in difficoltà finivano nella prostituzione. Oggi fanno scelte anche più umilianti: diventano renziane”, così ha pensato di twittare il professore, ricorrendo al solito armamentario di parole, significati e simboli che da sempre viene utilizzato quando si vuole offendere l’impegno civile e sociale di una donna – scrive Chirizzi - a pochi giorni dall’8 Marzo, quando ci vestiremo tutti dell’abito buono della retorica impugnando coreograficamente qualche piccolo stelo di mimosa, viene da dire che siamo ancora davvero troppo lontani da valori quali il rispetto, le pari opportunità, l’emancipazione delle donne se ancora oggi si ricorre a certi stereotipi volgari e a certe offese inqualificabili per denigrare tutte le donne e ancor di più quelle che si impegnano nella vita pubblica».

Potrebbeinteressarti