Scuola Lecce 

Scuole e Covid, 520mila euro dal ministero: a Lecce sono 11 gli istituti che hanno fatto richiesta

L'importo maggiore è stato richiesto dalla scuola Cesare Battisti che ha presentato un progetto da oltre 50mila euro, seguita dalla Stomeo - Zimbalo

Alla vigilia dell'avvio del nuovo anno scolastico, non tutti i nodi per l'adeguamento di aule ed edifici alle esigenze dettate dall'emergenza sanitaria. Il 13 luglio scorso il ministero per l'Istruzione ha autorizzato un finanziamento di 520mila euro favore delle scuole del Comune di Lecce che hanno partecipato all'avviso del 24 giugno. Gli istituti scolastici interessati sono in tutto 11 e il 10 agosto la Giunta Comunale ha approvato le schede per gli interventi di adeguamento e adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche riferite a gruppi di edifici scolastici di competenza.

Le scuole interessate sono il 1°Circolo Cesare Battisti che ha chiesto per i suoi tre edifici la cifra più alta, oltre 50mila e 800 euro; il 2° Circolo Edmondo De Amicis (23.424 euro); 4° Circolo Sigismondo Castromediano (22.570 euro); 5° Circolo Livio Tempesta (10.252 euro); Secondaria di 1° grado Quinto Ennio (3.599 euro); Secondaria di 1° grado Ascanio Grandi (8.632 euro); Secondaria di 1° grado Antonio Galateo (5.563 euro); Istituto Comprensivo Ammirato-Falcone (5.377 euro); Istituto Comprensivo Stomeo-Zimbalo (27.425 euro); Istituto Comprensivo Alighieri-Diaz (26.874 euro); CPIA -Centro Provinciale Istruzione Adulti (4.172 euro).


In attesa dello stanziamento di tutti i fondi ministeriali, il Comune ha contattato alcune imprese dal libero mercato per eseguire alcuni lavori di adeguamento urgenti: in particolare ha affidato ad una ditta i lavori per realizzare e installare delle protezioni in plexiglass nei front office delle scuole Sigismondo Castromediano, Cesare Battisti e Quinto Ennio. L'importo totale sfiora i 6mila euro e dunque rientra nei limiti delle spese che le amministrazioni pubbliche possono affidare direttamente.

Potrebbeinteressarti