Ambiente Santa Cesarea 

Polistirolo in mare, proposta di legge contro le cassette abbandonate

Lo chiede l’associazione “La Baia” di Santa Cesarea Terme rivolgendosi al presidente della Regione, Michele Emiliano. Un microchip nelle casse di polistirolo per evitare l’a...

Lo chiede l’associazione “La Baia” di Santa Cesarea Terme rivolgendosi al presidente della Regione, Michele Emiliano. Un microchip nelle casse di polistirolo per evitare l’abbandono in mare da parte dei pescherecci. La proposta arriva dall’associazione “La Baia” di Santa Cesarea Terme, presieduta da Ivano Bono che ha inoltrato la richiesta direttamente al presidente della Regione, Michele Emiliano. Il piccolo sensore sarebbe inserito all’interno delle casse per identificare l’imbarcazione responsabile dell’abbandono dei contenitori. “L’azione del volontariato che ha a cuore la pulizia delle coste -sottolinea Bono- non è più sufficiente a contrastare l’inquinamento da polistirolo soprattutto nel periodo tra inizio autunno e la primavera di ogni anno, poiché i marosi spiaggiano troppo materiale plastico, costituito all’80% da polistirolo bianco che proviene dall’attività di pesca professionistica. È necessario pertanto, un intervento legislativo per salvaguardare una fascia costiera di bellezza naturale conosciuta nel mondo. Un intervento che sarebbe utile per tutta la costa della Puglia”. Servirebbe un intervento legislativo ad hoc: “I pescherecci -conclude Bono-, prima di uscire dal porto e prendere il largo, devono dichiarare il numero di casse che sono a bordo e quante ne sono rientrate. Imporre ai pescherecci un sistema rete sui bordi o altro bloccaggio di protezione delle casse per evitare che il vento le porti via. Per i Comuni rivieraschi e portuali sia stanziata una somma per lo smaltimento rifiuti recuperati in mare disponendo delle aree riservate a questo scopo”. All’iniziativa hanno aderito l’Associazione (Ass.) Lega Navale Italiana (LNI) Puglia guidata dall’Ing. Andrea Retucci; LNI Brindisi Ing. Roberto Galasso; LNI San Foca di Melendugno Avv. Francesco Mazzotta, LNI di Otranto Ing Melissano; LNI di Castro-Santa Cesarea Terme Ing. Andrea Mauro; Ass.“Alba Mediterranea” di Lecce, Ass.GAS Gruppo Acquariofilo Salentino di Lecce; Ass. Sud Est diving “AESD” di Lecce; Fluxus “Cooperativa di Nardò; Ass.“Il Gabbiere” di Lecce; Ass.“Più vela per tutti” con sede ad Otranto; Circolo Velico di Porto Cesareo; Ass. “Coppula Tisa” di Tricase; Ass. “Magna Grecia Mare” di Tricase; Comitato per la tutela delle coste” di Monopoli; Comitato per “La tutela del territorio area metropolitana” con sede a Bari; Ass.“Liberiamo Taranto” sede Taranto.

Potrebbeinteressarti