Cronaca Sannicola 

L’incidente con il motorino era inventato, denunciati per simulazione di reato

Protagoniste tre persone, il conducente del ciclomotore, la sua compagna e un falso testimone

È stato denunciato per simulazione di reato, falsa attestazione e tentata truffa. Protagonista un 62enne alla guida di un ciclomotore che aveva richiesto l’intervento dei carabinieri per omissione di soccorso e lesioni personali dopo un incidente stradale avvenuto a Sannicola con altro conducente della strada che si sarebbe dato alla fuga dopo l’incidente senza essere identificato. Il 62enne ha quindi presentato un referto medico rilasciato dall'ospedale di Gallipoli con prognosi di 45 giorni per frattura ossea. I militari dopo aver visionato le immagini di videosorveglianza comunale avevano scoperto che l’uomo aveva mentito. Per questo i carabinieri hanno denunciato l’uomo insieme alla propria compagna una 56enne, insieme a lui sul ciclomotore, nonché ad un falso testimone, un 53enne.

Denunce per ebbrezza alcolica.

Una 29enne è stata fermata a Gallipoli, sul Lungomare Galilei, alla guida della propria autovettura: sottoposta a controllo con etilometro da militari operanti è risultata positiva con un tasso di 0,53 g/l al primo controllo e 0,52 g/l al secondo. Ritirata la patente di guida

Anche un 26enne è stato controllato a Cutrofiano, in via 25 aprile, mentre era alla guida dell’autovettura di un’altra persona: l’etilometro ha dato un tasso alcolemico di 0,59 g/l al primo controllo e 0,53 g/l al secondo. Anche in questo caso la patente di guida è stata ritirata.

Potrebbeinteressarti


Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.