Sanità Lecce Puglia sette 

Campagna vaccinale in Puglia, si viaggia verso le 2 milioni di dosi

Al via le chiamate delle Asl per completare la fascia dei più fragili verificando i casi uno per uno

Sono 1.883.294 le dosi di vaccino anticovid somministrate in Puglia: 1.985.624 le dosi consegnate dal Commissario nazionale per una percentuale del 94,8%.

La campagna vaccinale si è allargata ulteriormente, coinvolgendo i cittadini della fascia d’età 40-49 anni con l’avvio delle prenotazioni per i nati tra il 1970 e il 1973. Per le classi di età aperte oggi hanno prenotato finora in 14.324.

Progressivamente saranno chiamate a prenotarsi le classi di età più giovani, sempre tramite i canali web lapugliativaccina.regione.puglia.it, il numero verde 800713931 e le farmacie del servizio FarmaCUP.

Sono partite le attività delle ASL di ricerca attiva della quota residua di cittadini che per età o fragilità sono estremamente vulnerabili al fine di completare la fascia delle persone più fragili. 

Raggiungono quota 377.792 - di cui 251.414 prime dosi - le vaccinazioni effettuate finora nella ASL Lecce. Prosegue la campagna di vaccinazione antiCovid negli hub, nei centri sanitari e da parte dei medici di medicina generale: circa 6.700 le vaccinazioni effettuate nella giornata di ieri.

103.357 le dosi - di cui 55.625 prime dosi - quelle somministrate agli ultra80enni (copertura vaccinale rispetto alla popolazione del 91,79%); 92561 le dosi - di cui 71.208 prime dosi - quelle somministrate alle persone della fascia 79/70 (copertura vaccinale rispetto alla popolazione del 86,18%) e 68.387 - di cui 54.051 prime dosi - quelle somministrate alle persone appartenenti alla fascia 69/60 (copertura vaccinale rispetto alla popolazione del 54,26%).

Prosegue la vaccinazione con prime e seconde dosi dei pazienti fragili, da parte dei medici o dei centri di cura: sono 51.689 le dosi - di cui 36.416 prime dosi - quelle finora somministrate a persone vulnerabili per patologia. A quota 47.850 - di cui 34.606 prime dosi - le dosi finora inoculate da parte dei medici di medicina generale.

 

Potrebbeinteressarti