Sanità Lecce 

Vaccini, incontro tra Asl e medici di base: 44mila le dosi già somministrate

I cittadini i cui medici non hanno aderito alla campagna vaccinale possono segnalare questa circostanza al Distretto Socio Sanitario di appartenenza che organizza apposite sedute ambulatoriali o somministrazioni a domicilio.

Incontro tra la Direzione Generale della Asl e i medici di base per definire l'andamento della campagna vaccinale. L'incontro è stato sollecitato da alcuni medici del Distretto di Lecce.
In via prioritaria i medici sono al lavoro per il completamento della vaccinazione delle persone di 80 e più anni che non hanno ancora aderito alla campagna di vaccinazione e delle persone di 80 e più anni non deambulanti ancora in attesa di vaccinazione a domicilio.

Risultano inoltre determinanti nella vaccinazione dei propri assistiti in condizione di “estrema vulnerabilità” compresi quelli non presi carico dai centri specialistici inclusi nelle Reti di patologia. Rispetto a questa categoria si rammenta che si intende per estrema vulnerabilità esclusivamente le patologie individuate dal Piano Regionale Vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19 del 25.03.21
Sempre ai medici spetta il completamento della vaccinazione dei soggetti in condizione di disabilità grave (art. 3 comma 3 legge n.104/92). Una fascia di popolazione, quella dei Pazienti fragili, per cui ASL Lecce punta a completare la vaccinazione in tempi brevi.
I Medici di Medicina Generale hanno somministrato circa 44.000 dosi di vaccino; gli assistiti che hanno ricevuto solo la prima dose sono 32.550 mentre quelli vaccinati con ciclo completo sono 11.450.
I cittadini i cui medici non hanno aderito alla campagna vaccinale possono segnalare questa circostanza al Distretto Socio Sanitario di appartenenza che organizza apposite sedute ambulatoriali o somministrazioni a domicilio.
Solo le persone in precedenza specificate, oltre ai disabili in condizione di gravità (Art. 3 comma 3 legge 104/92) e i loro caregiver, possono al momento essere vaccinati dai medici di medicina generale che programmano la somministrazione in relazione alla fornitura del vaccino.

Si rammenta inoltre che i Medici di medicina generale non hanno la possibilità di prenotare tutti gli altri assistiti che invece devono prenotare la vaccinazione in base al proprio anno di nascita

Potrebbeinteressarti