Sanità Puglia sette 

Lopalco spegne le polemiche: «Un pugliese su due avrà il vaccino contro l'influenza»

L'assessore alla Sanità fa il punto sull forniture di vaccini antinfluenzali ai medici di base: «L'enorme richiesta ha mandato in affanno le case farmaceutiche che consegnano in ritardo»

«Il fatto che non si trovi il vaccino anti-influenzale è legato solo ed esclusivamente ad un improvviso aumento della domanda». L'assessore regionale alla Sanità Pierluigi Lopalco risponde così alle polemiche e fornisce alcuni aggiornamenti sul numero delle dosi acquistate: «Prevedendo quello che sarebbe successo, in primavera abbiamo immediatamente avviato una gara d'acquisto per 2.100.000 dosi, per garantire cioè una copertura al 50% della popolazione totale: un pugliese su due avrà il vaccino. Come prevedibile, visto l'enorme aumento della domanda di vaccini a livello mondiale, le case produttrici stanno facendo fatica a consegnare gli ordini.

In ogni caso, grazie all'anticipo di gara e alla richiesta originale abbondante, fino ad oggi sono state già distribuite oltre 900.000 dosi di vaccino. Per fare un confronto, negli scorsi anni, nel corso dell'intera stagione (che iniziava ai primi di novembre) erano distribuite in media 600.000 dosi.

Mancano i vaccini negli studi medici perché appena arrivano vengono somministrati. E' solo una buona notizia.

Mancheranno i vaccini? No. Bisogna solo avere un po' di pazienza. L'offerta gratuita interesserà una platea vastissima.

Chiunque vorrà vaccinarsi ne avrà diritto gratuitamente presso medici di medicina generale, pediatri e servizi delle ASL. Questo sarà possibile perché le categorie previste dalla circolare ministeriale, alla fin fine, includono tutti: non solo anziani, donne in gravidanza e portatori di patologie croniche, ma anche lavoratori di servizi essenziali e tutti coloro che convivono con un soggetto che rientra in una delle suddette categorie.

Ecco dunque perché il vaccino non si trova in farmacia. Con questa richiesta da parte del settore pubblico, le aziende produttrici non hanno scorte per la distribuzione nelle farmacie.

In conclusione, è un peccato accorgersi che gli italiani (personale sanitario incluso) abbiano scoperto l'importanza di questa vaccinazione solo sotto la spinta dell'effetto paura coronavirus. Ma tant'è: l'importante è il risultato.

Niente ansia, dunque, e aspettiamo il nostro turno. Il picco influenzale arriverà dopo le vacanze di Natale. Per quella data avremo raggiunto coperture vaccinali che solo pochi mesi fa erano scritte nel libro dei sogni».

Potrebbeinteressarti