Sanità Puglia sette 

Covid, la Puglia previene il ritorno del virus: approvato piano posti terapia intensiva

La Regione previene eventuali ritorni dell’emergenza epidemiologica, rafforzando il sistema sanitario

La Regione Puglia rafforza il sistema sanitario per affrontare eventuali ritorni dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: lo sforzo in corso servirà anche per la cura di altre malattie che richiedano più posti di terapia intensiva.

La Regione Puglia ha infatti trasmesso oggi al Ministero della Salute, come previsto dal Decreto Rilancio, la proposta di piano di potenziamento della rete ospedaliera, con il piano relativo ai posti letto di terapia intensiva e semintensiva. La proposta, inviata al Ministero della Salute, si riferisce alla attribuzione dei posti letto per popolazione, nell'ottica di potenziamento di tutti gli ospedali pugliesi, non solo quelli Covid, in modo tale da consentire la continuità assistenziale, soprattutto chirurgica, anche nell'ipotesi della recrudescenza della pandemia.

In attesa dell'acquisizione del parere ministeriale rispetto all'impostazione generale, si procederà alla illustrazione della proposta alla commissione consiliare sanità, agli ordini professionali, alle organizzazioni sindacali e a tutti gli stakeholder, prima della presentazione del piano alla Giunta e alle competenti commissioni consiliari. Il valore degli investimenti complessivi derivanti dal potenziamento della rete ospedaliera, ammontano complessivamente a 99.866.963.euro.

«La Regione si è da subito adoperata per il potenziamento della rete ospedaliera, in attuazione del decreto rilancio - ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano -  Ho da sempre sostenuto la necessità del superamento dei limiti imposti dal D.M. n.70/2015, soprattutto con riferimento all'incremento dei posti letto con una elevata intensità di cura. Pertanto, non appena la Regione ne ha avuto la possibilità, è intervenuta, come già fatto con il recente regolamento di riordino, ad aumentare i posti letto, garantendo un'equa distribuzione dei posti, in base alla popolazione residente. Ribadisco che, anche con il recente riordino ospedaliero, si è determinato un incremento dei posti letto e non è intervenuta alcuna riduzione. Infine, ringrazio il Ministero della Salute per il supporto e l'attenzione che costantemente rivolge alla Regione Puglia».

«La Regione – ha sottolineato il direttore del Dipartimento Politiche della Salute, Vito Montanaro – è decisamente sulla strada giusta per l’uscita definitiva dal piano di rientro. Sta centrando gli obiettivi Lea riportandosi nelle posizioni delle regioni più virtuose. Ha affrontato l’emergenza Covid senza pesare troppo sul sistema, che però va attrezzato per reggere ad altri urti che dovessero arrivare. Vogliamo essere pronti e curare tutti i cittadini pugliesi che ne avessero bisogno, in collaborazione con il personale e le aziende pubbliche e convenzionate». 

Potrebbeinteressarti