Cronaca Sanità Puglia sette 

Riaperture e indice di contagio, la Puglia tra le regioni a «basso rischio»

La Regione è tra quelle con la classificazione di rischio più bassa: il monitoraggio proseguirà nelle prossime settimane

Con le riaperture e l’inizio della Fase 2 occhi puntati sull’andamento del virus e sul rischio di una nuova diffusione: Istituto superiore di Sanità e Ministero della Salute hanno redatto un rapporto sull’indice del contagio, da cui si evince come l’Italia venga definitiva, sulla base dei dati raccolti, a basso rischio, fatta eccezione per Lombardia, Umbria e Molise, dove la soglia si alza e il rischio appare superiore.

Dalla cabina di regia che monitora gli effetti delle riaperture, dunque, arriva un quadro incoraggiante, che rispetta di fatto quanto accaduto nelle ultime settimane con l’arretramento del virus e lo svuotamento delle terapie intensive. La situazione, al momento, appare, dunque, sotto controllo, come mostrano gli algoritmi regionali di «valutazione relativa all’ aumento di trasmissione e impatto di Covid-19 sui servizi assistenziali».

Il lockdown nella sostanza ha rallentato la diffusione del virus e le aperture del 4 maggio non hanno compromesso gli sforzi compiuti in quarantena.

Tra le 18 regioni in cui la classificazione del rischio è bassa, c’è la Puglia con un’incidenza settimanale di casi bassa o intermedia-bassa. Questo significa che si può guardare al futuro con cauto ottimismo, sebbene gli esperti continuino a consigliare atteggiamenti di prudenza. 

Potrebbeinteressarti