Scienza e tecnologia Puglia sette 

Valvole per ventilatori polmonari stampate in 3D da donare agli ospedali: la sfida di un'azienda barese

L'azienda Roboze sta producendo H24 delle valvole di ricambio per gli ospedali

Una corsa contro il tempo per stampare quanti più valvole per ventilatori polmonari possibili da inviare gratuitamente agli ospedali italiani. È la sfida della  Roboze, giovane azienda barese specializzata nella stampa 3D ad alta precisione.

Il team guidato dal fondatore della Roboze, Alessio Lorusso, ha convertito in tempo record la produzione per poter stampare 120 valvole da destinare all'ospedale di Brescia e 50 per l'ospedale di Lecce. Ma la produzione è destinata ad aumentare per far fronte ad un'altra richiesta: Dallara, storica azienda lavora nella produzione di veicoli da Formula 1, ha fatto da anello da congiunzione tra Roboze, già sua fornitrice di stampanti 3D - e Isinnova, azienda bresciana che ha avuto l'intuizione di adattare le maschere da sub a ventilatori polmonari non invasivi. Le valvole realizzate a Bari serviranno proprio a far funzionare questi ventilatori

«Abbiamo deciso di entrare in campo, attivamente, nella lotta contro il covid19- si legge sulla pagina di Roboze - le nostre stampanti 3D Roboze da giorni sono a lavoro senza sosta per far fronte alla carenza di parti di ricambio destinate agli ospedali italiani e non solo. Il nostro contributo ad un’Italia che chiama».

Foto Inchiostro di Puglia



Potrebbeinteressarti