Economia e lavoro Politica Puglia sette 

Pesca, Fitto e Stancanelli (FDI-ECR): “Urgono interventi per il settore da parte di Governo e Ue”

Per i due europarlamentari servono misure a sostegno del comparto tra i più colpiti dalla crisi energetica per scongiurare la chiusura di diverse attività e garantire un futuro ad uno dei settori più importanti dell’economia italiana.

“Il grido d’allarme lanciato in questi giorni in diverse marinerie pugliesi, ma anche in altre realtà italiane, dagli addetti del settore va non solo colto ma necessità di risposte immediate al fine di evitare un blocco della pesca italiana e l’assenza sul mercato di prodotto ittico nazionale fresco e di qualità”.

Così in una nota il co-presidente del gruppo Ecr- FdI al Parlamento europeo Raffaele Fitto insieme con l’eurodeputato di FdI-Ecr Raffaele Stancanelli, componente della commissione Pesca che aggiungono: “Per questo è necessario che Governo e Unione Europea intervengano per supportare un settore tra i più colpiti dalla crisi energetica, per scongiurare la chiusura di diverse attività ma soprattutto per garantire un futuro ad uno dei comparti più importanti dell’economia italiana. Riteniamo siano necessarie misure come una fiscalità più leggera grazie al credito di imposta, l’accesso agli ammortizzatori sociali oltre alla proposta di Fratelli d’Italia di istituire un Fondo europeo per compensare i settori più colpiti.

“Purtroppo finora né il governo italiano né l’Unione Europea hanno ancora dato risposte sufficienti. Basti pensare che il credito d'imposta anche per il secondo semestre 2022 è stato lasciato fuori dal nuovo decreto varato per fronteggiare la crisi di imprese e famiglie. Un impegno che noi come delegazione di FdI porteremo avanti anche nelle prossime settimane in commissione Pesca dove a breve si discuterà di misure specifiche per mitigare gli effetti della guerra su tutta la filiera”.


Potrebbeinteressarti

Punito per aver fatto ''l'infame'', arrestato l'assassino

Ad uccidere due anni fa il 19enne Giampiero Carvone sarebbe stato un 26enne brindisino già agli arresti domiciliari. Alla base dell'omicidio un furto d'auto ad una persona sbagliata e l'aver riferito negli ambienti malavitosi i nomi dei complici.


Tentato omicidio, in due finiscono in manette

I Carabinieri di San Vito dei Normanni hanno arrestato due individui del posto che domenica scorsa hanno fallito una spedizione di morte in casa di un sorvegliato speciale. L'arma s'inceppò. Contestato il metodo mafioso.