Cronaca Puglia sette 

I risultati dei NAS nel primo quadrimestre 2022

I controlli del Nucleo Anti Sofisticazioni di Taranto hanno interessato il settore sanitario, amministrativo, zootecnico, delle frodi alimentari e del benessere degli animali da reddito. Denunciata una farmacista no vax e sequestrata una rivendita di sigarette elettroniche.

I Carabinieri del NAS di Taranto, nel primo quadrimestre del 2022, oltre alla attività di Polizia Giudiziaria, nell’ambito dei controlli eseguiti nei vari settore della specialità hanno ottenuto i seguenti risultati:

·      eseguiti in totale 295 controlli dei quali 65 non conformi (il 23%); il 55% ha interessato il settore sanitario;
·      accertate 72 violazioni di carattere amministrativo e segnalate 50 persone alle Autorità preposte; contestate sanzioni per un valore totale di 18.510.66 €;
·      eseguiti sequestri di strutture, alimenti e capi di bestiame, dispositivi medici e farmaci per un valore complessivo di 2.577.992 €;

Nell’ambito dei controlli finalizzati al contenimento della pandemia nel corso, una  farmacista priva di vaccinazione è stata segnalata all'autorità sanitaria, nonché sequestrati 320 dispositivi di protezione individuale, poiché sprovvisti di certificazione. Sono state elevate 7 violazioni amministrative per il mancato possesso di “Green pass”.

Nell’ambito dei controlli finalizzati alla verifica della genuinità dei prodotti e alla repressione delle frodi alimentari, presso aziende di deposito, confezionamento e produzione di alimenti è stato eseguito sequestro cautelativo sanitario di 420 litri di sostanza oleosa. Inoltre, tramite del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della Asl brindisina, è stata disposta la sospensione di 6 imprese alimentari poiché caratterizzate da gravi carenze igienico- sanitarie e strutturali, per un valore di 2.000.000 €.



Nell’ambito dei controlli finalizzati al benessere degli animali da reddito, l’attività dei Militari del NAS  svolta in collaborazione con il Servizio Veterinario dell’ASL di Brindisi presso un’azienda agricola del Brindisino, si è concretizzata con il Blocco Ufficiale ed il divieto di movimentazione dell’intero bestiame, pari a 113 capre, sospendendo quindi l’attività zootecnica.

Nell’ambito dei controlli finalizzati alla tutela dei “non fumatori”, è stata disposta la chiusura di un'attività di rivendita di sigarette elettroniche per  mancanza dei titoli  autorizzativi. Il valore della struttura ammonta a circa 200.000 €.

Nel periodo delle festività pasquali, sono stati eseguiti controlli finalizzati alla repressione della macellazione clandestina di ovi caprini, accertando la detenzione presso azienda zootecnica ed esercizi di rivendita, di capi di bestiame privi di certificazione sanitaria, contestando violazioni amministrative pari a 3.000 € e sottoponendo a sequestro sanitario 150 Kg. di carni. È stata disposta la sospensione di 6 imprese alimentari poiché caratterizzate da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali, per un valore di 2.000.000 €.



Potrebbeinteressarti