Politica Società 

Cisl Lecce: “Tempo di sfide per la politica e per il territorio”

Si svolgerà domani, 3 ottobre, con inizio alle 15.30 presso Torre del Parco, il Consiglio Generale della Cisl di Lecce. Angelo Colombini farà tappa nel capoluogo.

«Inflazione – Povertà – Lavoro – Ambiente. Tempo di sfide per la politica e per il territorio. La partecipazione, un orizzonte possibile». Questo il titolo di un Consiglio Generale che si soffermerà su temi di stringente attualità politico-sindacale ma che ha l’ambizione di non perdere mai lo sguardo verso il futuro, verso le nuove sfide a cui anche il nostro territorio è chiamato a rispondere con propositività in un complesso quadro nazionale e internazionale.

Alla relazione di Ada Chirizzi, Segretario Generale della Cisl di Lecce farà seguito l’intervento di Antonio Castellucci, Segretario generale Cisl Puglia.

Le conclusioni saranno affidate ad Angelo Colombini, Segretario Confederale Cisl Nazionale con delega all’Energia, all’Ambiente, allo Sviluppo del Territorio, alla Salute e alla Sicurezza.

«Le tante complesse questioni che attanagliano il Paese ed in particolare i territori del nostro Mezzogiorno – afferma Ada Chirizzi, Segretario Generale della Cisl di Lecce - richiedono interventi urgenti finalizzati al contenimento di una crisi energetica che sta travolgendo la vita di imprese e famiglie, alimentando caro vita e inflazione, oggi quasi al 9%. Urgono misure di sostegno e inclusione in favore delle fasce più fragili della popolazione e di contrasto alle tante fragilità del mercato del lavoro, ancora oggi connotato da precarietà e irregolarità. Come evidenziato nell’Agenda Cisl al nuovo Governo, la via non può che essere quella del dialogo sociale e della corresponsabilità, ad ogni livello. Si riapra dunque il confronto territoriale sui temi della programmazione e dello sviluppo e si rendano esecutivi i Protocolli e le intese relative l’utilizzo delle tante risorse del PNRR e del prossimo Piano Operativo 2021/27. Perché la partecipazione non è solo scenario necessario e possibile, ma anche l’unico che possa farci conseguire traguardi stabili ed equi».



Potrebbeinteressarti