Cronaca Politica Ugento 

Dal Consorzio Ugento Li Foggi agli agricoltori anche le cartelle 2017-'18. Chiesta deroga, zone già debilitate dalla xylella

Il Consigliere Regionale Antonio Gabellone ed il Capogruppo di FdI Ignazio Zullo hanno scritto all'Assessore regionale all'Agricoltura Donato Pentassuglia perché si ponga rimedio.

Giungono in questi giorni a tutti i proprietari di terreni che ricadono nel Consorzio di Bonifica Ugento Li Foggi le ingiunzioni di pagamento degli anni 2017 e 2018. Il Consigliere Regionale Antonio Gabellone ed il Capogruppo di FdI Ignazio Zullo hanno pertanto scritto all'Assessore regionale all'Agricoltura Donato Pentassuglia perché si ponga rimedio.

Abbiamo sentito il dovere e l'esigenza - dice Gabellone - di rappresentare quelle che sono le sacrosante ragioni degli agricoltori salentini, di fronte a tributi assurdi per benefici per lo più inesistenti. Oltre al danno, provocato peraltro dall’inerzia dei governi regionali succedutisi dal 2013 in poi nel combattere e prevenire il diffondersi del batterio Xylella, ora addirittura la beffa per i nostri agricoltori già in estrema difficoltà.

Gabellone e Zullo stigmatizzano poi la ingiusta imposizione del tributo consortile: “Le tasse  - dicono i Consiglieri Regionali - sono sempre mal sopportate perché incidono sul bilancio familiare, a volte anche in modo troppo pesante, ma diventano odiose se a fronte di una richiesta di pagamento non vi è nessun tipo di servizio offerto e soprattutto incidono sulla completa mancanza di produzione. In questo caso siamo in presenza di aziende agricole che hanno le loro campagne in uno stato di abbandono o perché gli olivi infetti sono stati eradicati o perché, lì dove sono stati lasciati, siamo in presenza di scheletri.

Per questo, hanno chiesto all’Assessore all' Agricoltura di prevedere una deroga per i pagamenti dei tributi in tutta la zona classificata infetta”.


Potrebbeinteressarti

Martini: A Lecce amministrazione incompetente

Il consigliere di opposizione a Palazzo Carafa: Incompetenti e inadeguati, si negano al confronto e non tutelano i cittadini. Incuria delle strade e noncuranza della sicurezza dei pedoni, anche dei bambini. Imbarazzante la vicenda carte identità.