Politica Galatina 

Sport, servizi e cinema: la ricetta di Vergine per il rilancio del quartiere Fieristico

La proposta del candidato sindaco della Coalizione Galatina di tutti

«Un imponente polo multifunzionale, in grado di integrare funzioni economiche, sociali e di servizio e grazie al quale la città sarà capace di “attrarre” sia gli investitori sia i potenziali fruitori di servizi»: il candidato sindaco della Coalizione Galatina di tutti, Fabio Vergine lancia la sua idea per la riqualificazione del quartiere fiera.


Per fare questo Vergine pensa ad un progetto di realizzazione di un grande polo di servizi, su di una superficie di circa 17 ettari, che si sviluppa sia all’interno che nelle aree contigue al Quartiere Fiera e che ne integra le funzioni in vario modo.


«Il Polo Integrato di Servizi sarà costituito dall’attuale area fiera, dove è previsto un nuovo volume dedicato a mercato permanente o edificio polifunzionale, un’area attrezzata per il mercato infrasettimanale dotato di un percorso verde ed una grande area attrezzata da destinare a 4 campi di padel e 2 di tennis coperti, 1 piscina olimpionica al chiuso ed un drive-in – scrive Vergine- la Fiera del futuro prossimo sarà in grado di vivere 7 giorni su 7 anche grazie alla posizione geografica e alla presenza di grandi parcheggi che sono un elemento vincente unico nell’arco di centinaia di chilometri.

Questo progetto è già stato ampiamente studiato da professionisti del settore, urbanisti e economisti. Si tratta di un impegno reale e concreto, attrattivo anche per gli investitori privati che diventerà una risorsa fondamentale della sostenibilità economica cittadina.

In questo caso l’amministrazione creerà le condizioni affinché chi investe in project financing trovi un progetto già cantierabile, con tutti i procedimenti amministrativi e urbanistici in regola».

Potrebbeinteressarti

Martini: A Lecce amministrazione incompetente

Il consigliere di opposizione a Palazzo Carafa: Incompetenti e inadeguati, si negano al confronto e non tutelano i cittadini. Incuria delle strade e noncuranza della sicurezza dei pedoni, anche dei bambini. Imbarazzante la vicenda carte identità.