Politica Puglia sette 

Si dimettono 17 consiglieri, si scioglie consiglio comunale di Taranto

Sfiduciato il sindaco Rinaldo Melucci a pochi mesi dalla fine del mandato

Si dimettono 17 consiglieri comunali e cade il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci. Pere effetto delle dimissioni contemporanee dei 17 consiglieri, su un totale di 32, il consiglio comunale del capoluogo ionico si è sciolto ufficialmente e al posto del sindaco sfiduciato, la Prefettura nominerà un commissario prefettizio. Melucci, alla guida di una Giunta di centrosinistra, era stato eletto nel 2017 e avrebbe concluso il mandato nella prossima primavera. A rassegnare le dimissioni non solo consiglieri di minoranza ma anche esponenti della maggioranza in contrasto con il sindaco.

«Si interrompe senza alcuna motivazione confessabile il lavoro dell’amministrazione comunale per la decarbonizzazione dell’Ilva e per la chiusura dei reparti a caldo a salvaguardia della salute dei suoi cittadini, per costruire la città universitaria, per realizzare una rete di mobilità urbana moderna e non inquinante, per costruire il nuovo grandissimo ospedale che sarà realizzato in un tempo straordinariamente breve, per diventare città della cultura e della bellezza, che vede il suo porto in fase di crescita e rilancio, candidata a polo nazionale dell’idrogeno e ad essere sede dei prossimi Giochi del Mediterraneo, per investire presto e bene miliardi di euro in bonifiche che sono essenziali per il futuro di tutti.

Sono quindi vicino al sindaco Melucci e a tutta la cittadinanza per avere dovuto subire questa amarezza – è il commento del presidente della Regione Michele Emiliano- faccio appello a tutti i tarantini perché non subiscano passivamente questo ennesimo oltraggio».

Potrebbeinteressarti