Politica Lecce 

Maggioranza Salvemini sotto in Commissione, non riconosciuto il debito fuori bilancio

Bocciato il riconoscimento del debito fuori bilancio: solo 9 i voti favorevoli, 10 contrari dall'opposizione. Pd, Progetto città e Puglia popolare si astengono.

Bocciato il riconoscimento del debito fuori bilancio in commissione a Palazzo Carafa. Solo 9 i voti favorevoli, 10 contrari dall'opposizione, mentre 6 consiglieri della maggioranza si sono astenuti: Antonio Rotundo, Paola Povero e Lidia Faggiano del Pd, Pierpaolo Patti e Marco Giannotta di Progetto Città e Gigi Valente di Puglia Popolare. La delibera stoppata si riferisce al pagamento della parcella di 93mila euro, di un avvocato per un vecchio lodo arbitrale riguardante la Tangenziale Est. 

In discussione secondo il consigliere Patti, l’argomento doveva essere esaminato dalla Giunta e non dalla commissione. Per Rotundo la maggioranza avrebbe portato in discussione un debito fuori bilancio che non rispetterebbe i parametri dell'utilità.

Per l’opposizione invece il responso della commissione è sintomo di “una maggioranza al capolinea”. “Oggi in commissione bilancio il governo è andato sotto - aggiungono Andrea Guido, Roberto Giordano Anguilla del Gruppo consiliare Fratelli d’Italia-Lecce -. Il Centrodestra compatto, vota contro, la sinistra si divide tra astenuti e favorevoli. Un segnale politico chiaro, finalmente dopo tanta contrarietà millantata e sbandierata solo a parole. Un dato preoccupante per la stabilità del Governo che evidentemente non c’è. Un fallimento per tutti i cittadini che nel 2019 avevano dato il loro voto a sostegno di una coalizione di “civici moderati progressisti” (come loro stessi si sono rinominati) ma che, oggi, non trova la sintesi nemmeno sul parere da dare circa una proposta di delibera in commissione”.


Potrebbeinteressarti