Politica Puglia sette 

Stefàno si autosospende dal Pd: «Anomalia il sostegno di Emiliano a Mellone»

Il senatore democratico auspica un chiarimento dopo l’endorsment al primo cittadino di Nardò

«Il chiarimento non è più rinviabile». Con una nota inviata ai vertici pugliesi e nazionali del partito, il senatore Pd, Dario Stefàno ha annunciato la sua autosospensione dal partito. Motivo scatenante, il sostegno che il presidente della Regione, Michele Emiliano, ha annunciato alla ricandidatura di Pippi Mellone a sindaco di Nardò

«Inutile sottolineare -ha spiegato Stefàno- che Mellone è notoriamente un militante di movimenti di estrema destra. Inutile ricordare anche che il Pd a Nardò è parte attiva di un'altra coalizione. Non censuro Emiliano, ma non condivido. E credo che si possa, si debba, stigmatizzare il silenzio del Pd davanti a comportamenti così evidenti e dinanzi a tali anomalie».

Emiliano aveva commentato la decisione della ricandidatura di Mellone con apprezzamento: «In bocca al lupo al sindaco che ha aperto la mia mente per tutelare i lavoratori delle campagne pugliesi con l’ordinanza di divieto di lavoro nelle ore più calde. Al sindaco che ha fatto cadere i miei pregiudizi ideologici, che mi ha insegnato a unire anziché a dividere. Al sindaco e all’amico leale che mi ha sempre aiutato quando ho avuto bisogno di lui. Al sindaco che mi ha provato che politica e amicizia non possono essere disgiunte».

Potrebbeinteressarti