Politica Lecce Puglia sette 

Facoltà di Medicina del Salento: la Regione approva finanziamento

Facoltà di Medicina del Salento: la Regione Puglia ha provveduto a far passare all’unanimità in consiglio regionale il disegno di legge sul progetto, recuperando quanto verificatosi in commissione Bilancio

Facoltà di Medicina del Salento: la Regione Puglia ha provveduto a far passare all’unanimità in consiglio regionale il disegno di legge sul progetto, recuperando quanto verificatosi in commissione Bilancio.

“Non solo non c’è stato nessun errore – afferma Michele Emiliano - da parte della Giunta con riferimento al problema verificatosi in commissione, ma la Giunta ha immediatamente e con tempestività eccezionale approvato venerdì il ddl che oggi è stato approvato dal Consiglio. Abbiamo dato concretezza a questa idea e l’abbiamo perseguita con una determinazione senza precedenti”.

“Sulla Facoltà di Medicina del Salento – aggiunge -, che coniuga aspetti tecnico-ingegneristici di grande profilo, c’è dietro un progetto accademico, scientifico e di ricerca estremamente importante, perché nel futuro i medici avranno competenze che dovranno in qualche maniera essere concorrenti e sovrapponibili con quelle degli ingegneri. Pensiamo di aver fatto una cosa utile per l’Italia, innanzitutto, che è il nostro riferimento numero uno, poi sicuramente anche per la Puglia in generale. Questo corrisponde ad una strategia complessiva del territorio. Tutti sanno che Lecce si presta ad essere una città universitaria. Così come gli altri capoluoghi di provincia sono impegnati al rafforzamento della vocazione accademica della Puglia. Non è un’iniziativa di piccolo respiro. È un’iniziativa di grande respiro che apre strade, apre economie, apre carriere, apre una serie di elementi di fondamentale importanza. Voglio ringraziare il mio Capo di Gabinetto Claudio Stefanazzi, la Presidenza e in particolare l’assessore al bilancio, che in tempi rapidissimi, con i suoi collaboratori, ci ha consentito oggi di arrivare al voto decisivo”.

“Come promesso - ha detto la Presidente del Consiglio regionale Loredana Capone - alla velocità della luce, oggi il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità l’emendamento per garantire che il progetto della Facoltà di Medicina nel Salento, attraverso una variazione di bilancio di 80 milioni, possa continuare il suo percorso di realizzazione. Sarà un polo di eccellenza e all’avanguardia e io sono felice di aver dato il mio piccolo contributo. Credo che ciò che sta accadendo sia un fatto storico, un’iniziativa che aprirà a tantissimi orizzonti, anche in termini di ricadute economiche sul nostro territorio. Lo merita Lecce, lo merita la Puglia. I nostri ragazzi avranno finalmente una chance in più per formarsi, specializzarsi e fare ricerca a casa loro, e i cittadini un’occasione in più di cura. Il fatto che sia stato votato all’unanimità, dimostrando che è volontà di tutta la Puglia, mi riempie di gioia e orgoglio”.

“L’attivazione del corso di laurea in Medicina, Chirurgia e Applicazioni Biomedicali dell’Università del Salento – affermano la capogruppo del M5S Grazia Di Bari e del Vicepresidente del Consiglio regionale Cristian Casili - è un risultato importante per tutta la Puglia. Parliamo infatti di un corso di laurea innovativo, che permetterà non solo ai nostri ragazzi di non dover andare fuori per realizzare il loro sogno, ma formerà anche medici con alte competenze tecnologiche. L'obiettivo è arrivare alla creazione di un polo di eccellenza sanitario di cui beneficerà l’intera regione, non solo il Salento. Dare ai giovani e alle loro famiglie la possibilità di poter restare a studiare nella propria terra, specie in un momento di crisi come questo, e creare un polo formativo capace di attrarre eccellenze dall’Italia e dall’estero è un motivo di orgoglio per l’intero Consiglio. Ora è il momento di mettere da parte le polemiche politiche e di lavorare in sinergia per far sì che il corso di studi parta dal prossimo anno accademico. Un progetto importante per dare un nuovo sviluppo alla Puglia”. 

Potrebbeinteressarti