Politica Puglia sette 

Regionali, la Lega si smarca da Fitto: il candidato è Nuccio Altieri

L’annuncio del segretario regionale del partito, Luigi D’Eramo, al termine dell’esecutivo regionale

Sarà Nuccio Altieri, il candidato della Lega per le elezioni regionali. Lo ha annunciato il segretario pugliese Luigi D’Eramo spiazzando Fratelli d’Italia che già da tempo aveva deciso di convergere sull’eurodeputato Raffaele Fitto. Decisione presa in «qualità di primo partito della coalizione di centrodestra».

«Sentiamo la responsabilità -sottolinea D’Eramo- di offrire idee e interpreti di questa nuova pagina politica. L'esecutivo regionale della Lega Puglia in maniera compatta, durante una riunione svoltasi alla presenza del vicesegretario federale Andrea Crippa, ha individuato in Nuccio Altieri il miglior candidato per interpretare questo nuovo progetto, sia per le sue esperienze di amministratore locale prima, come consigliere e poi vice Presidente Provincia di Bari, ma anche per le competenze nazionali maturate come parlamentare e oggi manager di una importante società partecipata di Stato di prima fascia. Il modello amministrativo della Lega può essere per la Puglia la locomotiva di un nuovo sviluppo per la nostra regione e per questo, offriamo alla coalizione - con spirito costruttivo - la nostra proposta per cambiare, vincere e governare una nuova Puglia, con un centrodestra unito».

Critico l'europarlamentare leghista, Andrea Caroppo: «Se la Lega davvero vuole scegliere un candidato presidente da proporre alla coalizione ed in grado di vincere - interviene -, deve cambiare metodo e sceglierlo basandosi su criteri opposti a quelli richiamati nella nota stampa del commissario regionale. Un candidato vincente deve essere riconoscibile, autorevole, e deve avere reale radicamento territoriale e consenso personale, altrimenti - come ci ha ricordato Salvini nella sua ultima presenza in Puglia - deve essere espressione della società civile. Nel caso di Altieri mancano tutte queste caratteristiche. Se, invece, il gioco di qualcuno è quello di provare a favorire Emiliano spaccando il centrodestra con l'indicazione di una candidatura totalmente inadeguata, dobbiamo avere la forza ed il coraggio di denunciarlo pubblicamente perché non vogliamo essere complici».



Potrebbeinteressarti