Politica Società San Donato 

San Donato, la città fa fronte comune contro il virus: le iniziative nell’emergenza

Condivisione da parte di tutto il consiglio comunale di iniziative tese a contrastare la fase emergenziale

Il Comune di San Donato attua una serie di iniziative a sostegno delle famiglie in questo momento di grave emergenza. Lo fa con un dispiegamento di forze condiviso e unanime che ha visto la collaborazione fattiva tra le due parti di consiglio comunale.

“È il periodo – spiega il sindaco Alessandro Quarta - del cosiddetto distanziamento sociale. Si rimane a distanza, si evitano i più naturali e bei gesti di affetto per prevenire la diffusione del contagio. È, soprattutto, però, il periodo della vicinanza, della coesione, dell’unione e della solidarietà sociale con la riscoperta dei valori più importanti ed autentici della vita. E la nostra città è artefice e grande protagonista, ad ogni livello, di questo sentimento di unione e di forza, tra tutti e per tutti”.

A dimostrarlo la delibera approvata da tutto il consiglio comunale: tante le iniziative promosse in questa fase. Dal 9 marzo è attivo il COC, centro operativo comunale - con Polizia Municipale, Protezione Civile e Croce Rossa - che si adopera per le attività di sicurezza ed assistenza attraverso la fornitura di farmaci e spesa per le persone sole e le fasce deboli.

Promossa la produzione e distribuzione (ancora in corso) delle mascherine a tutta la cittadinanza. Pochi giorni ancora e verrà completata la distribuzione su tutto il territorio.

Previsto un piano di interventi a sostegno delle famiglie più bisognose, non fruitrici di altri benefici pubblici, di beni di prima necessità. Di concerto con i Parroci e con la Protezione Civile è possibile usare un conto corrente per eventuali donazioni, a seguito delle tante disponibilità ad aiutare avanzate dai cittadini. I soldi, versati sul conto corrente della Caritas parrocchiale, saranno utilizzati dalla Protezione civile per acquisto di beni di prima necessità per chi è in difficoltà.

E poi il “carrello solidale”: possibilità di donare qualche prodotto alimentare all’interno di un carrello posto negli esercizi commerciali. I beni donati saranno ritirati dalla Protezione Civile e distribuiti, giornalmente, alle famiglie in seria difficoltà.

“Un ultimo pensiero -conclude il primo cittadino- per tutti i nostri concittadini, medici, infermieri ed operatori sanitari vari, che nel silenzio sono impegnati in prima linea nel fronteggiare questa emergenza. Una città unita come non mai. Una città che avverte il peso del momento e non si tira indietro di fronte alle proprie responsabilità. Una città, la nostra, così bella e solidale. Continuiamo a rispettare le regole e a restare a casa. Tutti, insieme, si può”. 

Potrebbeinteressarti