Politica Lecce 

Gettoni di presenza devoluti alla comunità leccese, la proposta del centrodestra

La richiesta, rivolta al sindaco, riguarda le spettanze dei consigli comunali e delle commissioni che non si sono tenute

Donare ai bisognosi le somme dei gettoni di presenza dei consiglieri di centrodestra del Comune di Lecce. In queste settimane, a causa dell’emergenza sanitaria, non si sono potute svolgere infatti le ordinarie attività amministrative. Sono state sospese le commissioni e i consigli comunali. I gettoni di presenza non sono stati maturati e di conseguenza erogati, quindi le somme corrispondenti risultano nelle disponibilità di bilancio. I consiglieri di centrodestra chiedono che l'importo totale generabile, cioè il corrispettivo degli emolumenti venga destinato a quella parte della comunità leccese che in queste settimane è in prima linea nella lotta contro il virus.

«Si tratta -spiegano i consiglieri- del massimo potenziale di gettoni di presenza che il singolo può maturare nell'arco temporale in questione, moltiplicato il numero dei componenti della coalizione. In questo momento di grandi sacrifici per tante persone, riteniamo doveroso fare la nostra parte e lanciare un segnale nei confronti di coloro che sono più esposti. Associazioni, volontari e operatori tutti, spesso dimenticati ma che sono di vitale importanza per la comunità leccese, ed ai quali va il nostro massimo sostegno».

La nota è firmata da Luciano Battista, Erio Congedo, Roberto Giordano Anguilla, Gianmaria Greco, Andrea Guido, Severo Martini, Giorgio Pala, Andrea Pasquino, Adriana Poli Bortone, Giampaolo Scorrano e Oronzo Tramacere.

Potrebbeinteressarti