Società Otranto 

AbilBeach rende inclusiva ed accessibile la Spiaggia dei Gradoni a Otranto

Duemila ospiti accolti in un mese

Turismo accessibile a Otranto, riscoprendo la piacevolezza di un mare senza barriere, grazie al supporto degli operatori specializzati di Abil Beach e all’uso di ausili attrezzati per la balneazione.

In poco più di un mese, infatti, sono state circa 2000 le persone accolte in spiaggia, tra persone con disabilità e loro accompagnatori, provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa (Roma, Milano, Madrid, etc..), confermando l’impegno e gli obiettivi posti dalla Cooperativa sociale L’Integrazione e dall’amministrazione comunale di Otranto.

La presenza degli operatori in spiaggia ha permesso agli ospiti di trascorrere le giornate in sicurezza e tranquillità, superando facilmente le difficoltà e i limiti di una disabilità che, fino a ieri, non consentiva loro di godere in autonomia della spiaggia e del mare.

“Siamo una spiaggia libera e accessibile per tutte le disabilità: disabilità motoria, cognitiva e sensoriale. Il nostro scopo è quello di garantire a tutti l’autonomia: essere liberi di vivere il mare”, dichiara Veronica Calamo, Presidente della Coop. Soc. L’Integrazione.

Di fatto, già nel suo esordio, AbilBeach ha aperto la spiaggia a tutte le disabilità, pensando a delle soluzioni di accessibilità anche per le persone non vedenti e ipovedenti, prevedendo, ad esempio, tutta la segnaletica, i gadget e il regolamento in Braille e con caratteri ad alta leggibilità.

La sinergia tra il Comune e la Coop. Soc. metterà a frutto l’esperienza di quest’anno con l’obiettivo di migliorare ulteriormente il servizio ed attivare un percorso di riqualificazione della Città tutta in termini di accessibilità. Per l’anno venturo si pensa già ad un percorso specifico per consentire l’ingresso in acqua in completa autonomia a persone con varie disabilità, sia quelle con disabilità sensoriale, sia quelle con disabilità motoria che, con l’ausilio di specifiche sedie quali ad esempio le hippocampe, saranno in grado di percorrere la passerella autonomamente direttamente fino in acqua.

“In questi anni l’amministrazione comunale ha davvero destinato la massima attenzione nei riguardi dell’inclusione – dichiara l’Assessora Cristina De Benedetto – e tenterà di farlo anche in futuro attrezzando sempre più aree turistiche, non tralasciando quindi la visita dei nostri monumenti, del borgo e del mare. Otranto dovrà davvero accogliere tutti quanti e sempre di più!”.


Potrebbeinteressarti